Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-28_13-34-58 w-1 pg 60 gli-isolotti-del-gallo-la-gallina-il-pollastro stradina

‘U cantere e l’arciùle

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

Nel libro di Nonno Scartiello (conosciuto da questo sito: leggi qui) a pag. 41 c’è questa ‘favoletta’ in dialetto.

U cantere (vaso da notte), è preso di mira dall’arciùle (boccale, brocca per bere) perché nella saggezza popolare prendere ‘u cantere pe l’arciùle significa prendere una cantonata giacché: gli oggetti sono diversi e così le loro funzioni.

‘U cantere e l’arciùle 

steveno sempe appeccecate.

Se pugneveno ogne mumente

e se ne deceveno ‘i tutt’i manère.

“Simme fatte tutt’e duie ‘i terracotta,

è vero,

ma io porto acqua, acite, vino

deceva l’ arciùle –

mentre tu – e mustava ‘u cantere –

tu sierve ‘i notte, quanno se va a piscia’,

e certi vote pure ‘a merda, quanno ‘nse trattène.

Simmo pariente a luntano:

io dongo gioia e felicità,

‘a ggente me cerca pe se rallegra’;

tu puzze a culere

e te teneno nascuoste.

Nun putimmo sta ‘u stesso posto”.

L’ arciùle s’ avvantava

e  ‘u cantere accuzzava.

Fino a quanno nce ‘a facette cchiù.

“Uè, fratié’,

ie nun te voglio cuntraddi’,

ma guarda ca tutto chello ca passa pe te,

vino, sfumante, liquore e tè,

doppo c’ hanno fatto ‘u giro p’u cuorpo,

passeno addu me.

E’ vero,

tu daie alleria

e io puzzo;

però ‘u fatto è accussì:

a bellezza toia

addeventa a munnezza mia.

Nun te ne ì ‘i capa,

fratié’,

simme cchiù carnale

‘i chello ca putimmo apparé’” .

Il libro di Nonno Scartiello, è fortunato chi se lo trova in eredità dai nonni. Chi lo vuole possedere deve dotarsi di tanta pazienza e rovistare nelle scansìe…

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.