Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c2-18 i-36 lam-04 v8-9a ss03 83

’A pescata cu’ Fracasso

di Nino Picicco (da una poesia/filastrocca di Gennaro Mazzella)

'U guarracino

 .

Continua la rivisitazione ‘filologica’ da parte di Nino Picicco di personaggi e usanze isolane, con il valore aggiunto – non secondario né facile da maneggiare – di una musica accattivante e del tutto aderente ai “quadretti” cantati.
Concordiamo con Franco De Luca, sodale e collaboratore di Nino, che prima di questi componimenti non esisteva un vero “Canzoniere ponzese”, ma canti mutuati dalla canzone popolare napoletana o dalla tradizione religiosa.
Aggiungiamo che questa forma di racconto-canzone esprime anche in modo compiuto quel “recupero della storia e della cultura di Ponza e dei ponzesi prima che il tempo ne cancelli le tracce”, come recita l’epigrafe del nostro sito.
La Redazione

 

Il testo è stato scritto da mio padre nel 1948.
Fracasso era il suo amico e compare di matrimonio Arcangelo Feola, detto appunto ‘Fracasso’, con il quale aprì pioneristicamente il primo bar-gelateria a Le Forna. Lo stesso Arcangelo che alla fine degli anni sessanta inaugurò sempre a Le Forna il Cinema Margherita.
La ballata che racconta una giornata convulsa e infruttuosa di pesca, ci dà anche la possibilità di conoscere la maggior parte dei pesci isolani nei loro termini dialettali, una sorta di prontuario a futura memoria. 
Giuseppe Mazzella

.

Pesci innamorati

Ascolta qui in file mp3:

‘A pescata cu’ Fracasso

 

’A pescata cu’ Fracasso
(Musica e adattamento dei versi, di Nino Picicco)

.

Ie so’ nato sfurtunato

quanti vvote l’aggia di’?

Me so’ proprio sfastediato

ma ’sta storia ’a vo’ furni’?!

’Nu juorno n’avevo che ffa

che vulite ’a smania ce sta

e pensaie di trovare ’nu spasso

cu’ n’amico chiammato Fracasso

 

mò v’à conto ’sta storia tremenda

ca fa tremmare pure a chi ’a sente

si state zitti e tenite mente

ve spiego ’u fatto comm’è pussente

 

’U fatto è chisto e nun v’u scurdate

chi ’nn’è d’ù mestiere resta ’nguaiato

doppo i ’nu juorno e mezza nuttata

turnammo a casa tutt’ammaccate

 

Ie e Fracasso pigliammo ’na lanza

c’’i rimme c’ ’ì struoppole e ’u fierro ’i speranza

’a vangella e ’u mazzamurene

’i ffune e ’i parangule pe’ ddà carena

Quanno arrivammo in alto mare

Fracasso dicette: “Nèh, che te ne pare?

Nuie parimmo  avère pirate

cu’ tutte ’st’attrezze ch’avimmo purtate

 

Giacché ce truvammo facimmo marenna

ca doppo ’u tiempe va sempe fuiènno

quanne ’ngucciammo e scucciammo ’sti pisce

de magna’ e beve nun se ne capisce”

Appena fernuto appruntammo ’i cascètte

Fracasso se leva ’u cazone e ’a giacchetta

c’ù mazzamurene a purtata ’i mano

dicette: “Sto bbuono fino à dimane”.

 

Tutt’e duie cu’ santa pacienza

lasciammo i rimme e pigliammo ’a lenza

ce steveno i pisce “parola d’onore”

ma nisciuno ’i nuje ne vedette ’u culòre

V’ù cconto e nun dico sciucchezza

ca llà ce vuleva sultanto ’na rezza

sentevemo ’a coppa i sirene ’i canta’

e tutt’i pisce ‘lla sotto a balla’

 

Pùllece, pìmmece, ruònghe e mennélle

vope retùnne palàie e sardelle

scuòrfane, scàndare, orate e alicelle

tuòtane, scurme, raie e pacielle

treglie, ravoste, cernie e riggiole

diéntece, praie, cuòccie e mussuole

spinule, secce, tracene e aluzze

sùrece, ‘nvànvere, tunne e ’mbrluzze    

 

Fracasso ‘ncazzato dicette: – “Cagnammo!

…ca pisce a ’stu posto nuie nun ne pigliammo

chiste so’ furbe e chine ’i malizia

e a perdere  tiempe nun c’è manco sfizzio”

Cchiù annanze Fracasso c’u specchio vedette

duje purpe, ’na sarpa e ’na perchia

laciérte, fellune e ’u mazzone ’i razza

giravano attuorno comme li pazze

Tremmule, fere, pezzogne e ferune

Cu’ ciefere, spigare e sbaragliune

facevano ’a lotta c’u cacauoglie

c’u pesce moro e c’u mazzanguoglio

’U capennuglio sentette ’a ’mmuina

chiammaie ’a balena cu’ duie guarracine

’u palummo, ’a spannocchia e ’a canesca

pure lloro in cerca dall’esca            

 

A ’stu mumento Fracasso ‘ngucciaie

e in fretta e furia ’a lenza tiraie

quanno a bbuordo ’u pesce sagliette

’u cazz’ì rrè ddevacaie ’nd’a cascetta

Là ppe llà pigliammo curaggio

Fracasso dicette: “facimmo ’u rremiggio

iscammo c’ù pesce ch’avimmo pigliato

e vedarrai ca facimmo ’a ’nzalata!”

 

Infatti marvizze, saraghe e ombrine

giravano attuorno a ’stu muorzo fine

c’ i santantonio e i spingulelle

i pescatrice e i cacciuttiélle

calamare e pettenesse

palapesce e lappanesse

succedette ’u patatracco

steve pure ’u pesce vacca

 

’u pesce puorco e ’u capechiatto

’u mussoluongo e ’u pesce iatta

A ’stu mumento furnette ’a pescata

pecchè ’i llenze so’ tutte strungate

’a famme era arrivata

turnammo a’ casa miezze stunate

Devi essere collegato per poter inserire un commento.