Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a1-1 k2-27 v4-4 lamonica-05 ss13-1 78

’A pescata cu’ Fracasso

Condividi questo articolo

di Nino Picicco (da una poesia/filastrocca di Gennaro Mazzella)

'U guarracino

 .

Continua la rivisitazione ‘filologica’ da parte di Nino Picicco di personaggi e usanze isolane, con il valore aggiunto – non secondario né facile da maneggiare – di una musica accattivante e del tutto aderente ai “quadretti” cantati.
Concordiamo con Franco De Luca, sodale e collaboratore di Nino, che prima di questi componimenti non esisteva un vero “Canzoniere ponzese”, ma canti mutuati dalla canzone popolare napoletana o dalla tradizione religiosa.
Aggiungiamo che questa forma di racconto-canzone esprime anche in modo compiuto quel “recupero della storia e della cultura di Ponza e dei ponzesi prima che il tempo ne cancelli le tracce”, come recita l’epigrafe del nostro sito.
La Redazione

 

Il testo è stato scritto da mio padre nel 1948.
Fracasso era il suo amico e compare di matrimonio Arcangelo Feola, detto appunto ‘Fracasso’, con il quale aprì pioneristicamente il primo bar-gelateria a Le Forna. Lo stesso Arcangelo che alla fine degli anni sessanta inaugurò sempre a Le Forna il Cinema Margherita.
La ballata che racconta una giornata convulsa e infruttuosa di pesca, ci dà anche la possibilità di conoscere la maggior parte dei pesci isolani nei loro termini dialettali, una sorta di prontuario a futura memoria. 
Giuseppe Mazzella

.

Pesci innamorati

Ascolta qui in file mp3:

‘A pescata cu’ Fracasso

 

’A pescata cu’ Fracasso
(Musica e adattamento dei versi, di Nino Picicco)

.

Ie so’ nato sfurtunato

quanti vvote l’aggia di’?

Me so’ proprio sfastediato

ma ’sta storia ’a vo’ furni’?!

’Nu juorno n’avevo che ffa

che vulite ’a smania ce sta

e pensaie di trovare ’nu spasso

cu’ n’amico chiammato Fracasso

 

mò v’à conto ’sta storia tremenda

ca fa tremmare pure a chi ’a sente

si state zitti e tenite mente

ve spiego ’u fatto comm’è pussente

 

’U fatto è chisto e nun v’u scurdate

chi ’nn’è d’ù mestiere resta ’nguaiato

doppo i ’nu juorno e mezza nuttata

turnammo a casa tutt’ammaccate

 

Ie e Fracasso pigliammo ’na lanza

c’’i rimme c’ ’ì struoppole e ’u fierro ’i speranza

’a vangella e ’u mazzamurene

’i ffune e ’i parangule pe’ ddà carena

Quanno arrivammo in alto mare

Fracasso dicette: “Nèh, che te ne pare?

Nuie parimmo  avère pirate

cu’ tutte ’st’attrezze ch’avimmo purtate

 

Giacché ce truvammo facimmo marenna

ca doppo ’u tiempe va sempe fuiènno

quanne ’ngucciammo e scucciammo ’sti pisce

de magna’ e beve nun se ne capisce”

Appena fernuto appruntammo ’i cascètte

Fracasso se leva ’u cazone e ’a giacchetta

c’ù mazzamurene a purtata ’i mano

dicette: “Sto bbuono fino à dimane”.

 

Tutt’e duie cu’ santa pacienza

lasciammo i rimme e pigliammo ’a lenza

ce steveno i pisce “parola d’onore”

ma nisciuno ’i nuje ne vedette ’u culòre

V’ù cconto e nun dico sciucchezza

ca llà ce vuleva sultanto ’na rezza

sentevemo ’a coppa i sirene ’i canta’

e tutt’i pisce ‘lla sotto a balla’

 

Pùllece, pìmmece, ruònghe e mennélle

vope retùnne palàie e sardelle

scuòrfane, scàndare, orate e alicelle

tuòtane, scurme, raie e pacielle

treglie, ravoste, cernie e riggiole

diéntece, praie, cuòccie e mussuole

spinule, secce, tracene e aluzze

sùrece, ‘nvànvere, tunne e ’mbrluzze    

 

Fracasso ‘ncazzato dicette: – “Cagnammo!

…ca pisce a ’stu posto nuie nun ne pigliammo

chiste so’ furbe e chine ’i malizia

e a perdere  tiempe nun c’è manco sfizzio”

Cchiù annanze Fracasso c’u specchio vedette

duje purpe, ’na sarpa e ’na perchia

laciérte, fellune e ’u mazzone ’i razza

giravano attuorno comme li pazze

Tremmule, fere, pezzogne e ferune

Cu’ ciefere, spigare e sbaragliune

facevano ’a lotta c’u cacauoglie

c’u pesce moro e c’u mazzanguoglio

’U capennuglio sentette ’a ’mmuina

chiammaie ’a balena cu’ duie guarracine

’u palummo, ’a spannocchia e ’a canesca

pure lloro in cerca dall’esca            

 

A ’stu mumento Fracasso ‘ngucciaie

e in fretta e furia ’a lenza tiraie

quanno a bbuordo ’u pesce sagliette

’u cazz’ì rrè ddevacaie ’nd’a cascetta

Là ppe llà pigliammo curaggio

Fracasso dicette: “facimmo ’u rremiggio

iscammo c’ù pesce ch’avimmo pigliato

e vedarrai ca facimmo ’a ’nzalata!”

 

Infatti marvizze, saraghe e ombrine

giravano attuorno a ’stu muorzo fine

c’ i santantonio e i spingulelle

i pescatrice e i cacciuttiélle

calamare e pettenesse

palapesce e lappanesse

succedette ’u patatracco

steve pure ’u pesce vacca

 

’u pesce puorco e ’u capechiatto

’u mussoluongo e ’u pesce iatta

A ’stu mumento furnette ’a pescata

pecchè ’i llenze so’ tutte strungate

’a famme era arrivata

turnammo a’ casa miezze stunate

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.