Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0008-008 i-36 u-16 v8-9a foto-antiche-1-1 Spugne all'interno della grotta

Ponza è un’isola (4)

Condividi questo articolo

di Gino Usai

Con la morte di Dies, avvenuta nel 1973, il “gregge” si smarrisce, l’organizzazione religiosa si disperde, l’Azione Cattolica si scioglie, le pratiche sacramentali e la stessa fede si affievoliscono. E’ il ’68. La voglia di libertà e di autodeterminazione divampa in tutto il mondo. Giustamente. La cultura cosiddetta “alternativa” giunge anche a Ponza, portata dagli studenti universitari che si ritrovano ne “La Comune”: siamo a metà degli anni Settanta.

Il 1975 segna una nuova svolta per Ponza. Questa volta si direbbe positiva. Le forze politiche e il popolo intero si uniscono per porre fine al governo democristiano del dottor Sandolo (che durava da 23 anni!) e portare a termine la lotta per la chiusura della miniera. Con l’abbattimento di Sandolo e la chiusura della SAMIP, Ponza entra in una nuova fase. Inizia il boom turistico.

Già nel 1977 Franco De Luca capì l’inclinazione della nave e l’imminente possibilità di naufragio. Scriveva profeticamente nel suo pamphlet intitolato “Ponza: quale futuro”:

“Non starò ad analizzare il perché del boom turistico. Dirò cosa ha prodotto nella società. Purtroppo ha accresciuto l’antico individualismo. Perché? Perché i Ponzesi non sono riusciti a gestirlo, a guidarlo, a dominarlo. (…) Ciascuno per sé. E per tutti? Per tutti c’è potente la tentazione a lavorare tre mesi e oziare per i nove restanti. (…) C’è il colposo guardare l’isola come bene da consumare, anche a costo di alternarne l’equilibrio biologico, il quadro paesaggistico. la natura geologica. C’è l’insano instillare nei giovani la mentalità che Ponza è luogo di vacanza e non la terra dove sono nati e dove (…) hanno l’incarico di tramandare le tradizioni, di rinnovare i costumi. C’è il sottile, infido sentirsi arrivati socialmente. Se questo è lo stato di fatto, la comunità vivrà, ma si nutrirà di legami formali, epidermici, di comodo. E si sfalderà. Le tradizioni scompariranno, la terra diverrà luogo di accaparramento edilizio, politico, economico dei più spregiudicati, degli estranei; la gioventù non si riconoscerà nell’ambiente fisico-umano. Apocalittica conclusione.”

Ma non avevamo ancora toccato il fondo.

Sul finire degli anni Ottanta con l’occupazione “manu militari” delle spiagge, delle banchine, dei marciapiedi e degli specchi d’acqua si è imboccata la strada dell’illegalità diffusa. Ci sono stati di recente persino atti che sono sembrati dolosi e di intimidazione camorristica, come  incendi di barche, gommoni, macchine e pontili. Si è così raggiunto il punto di non ritorno.

La magistratura ha fatto il resto. E il resto è cronaca.

***

Così il turismo incontrollato, massivo e caotico, ha accentuato l’individualismo e la filosofia del si arrangi chi può. Filosofia che nessuno ha osato contrastare e che ha prodotto la disgregazione finale della nostra già fragile comunità.

Oggi Ponza è al collasso. Non poteva essere diversamente. Si è voluto trasformare l’isola in qualcosa di innaturale e artificioso. A tutti i costi (costi alti, costi umani!) si è voluto far credere che si poteva abusare all’infinito del nostro territorio e della nostra gente. Si è fatto scempio degli spazi pubblici accaparrandoseli in una disputa illegale che ha minato la cultura e la morale stessa della nostra comunità. Con la crescita del flusso turistico è cresciuto il valore dei beni immobili e dei terreni. Ogni pietra si è trasformata in oro, alterando il regolare mercato e il buonsenso. I prezzi degli immobili sono schizzati alle stelle e abbiamo perso la testa ( e la faccia). Abbiamo litigato coi vicini di casa, con gli amici, coi parenti: si sono smembrate le famiglie! Un noto legale di Formia, a cui si rivolgono tanti ponzesi, ha detto che deteniamo il record di controversie giudiziarie nella provincia di Latina: i ponzesi hanno fatto cause anche per il cimitero!

E’ logico che in una realtà simile ci si ammalasse di quella sindrome che Vincenzo Ambrosino nel suo articolo ha chiamato: “Familismo amorale”. Una malattia che vede la comunità sfaldarsi sotto l’affermazione dell’egoismo più cialtrone e dirompente; egoismo diventato valore supremo dei tempi nostri, moderni e competitivi.

Volevamo dimenticare – e forse l’abbiamo dimenticato – che Ponza è un’Isola! E come tale va vissuta, rispettata e amata; curata e difesa dall’attacco degli esterni e di chi vuol farle male.

Ponza deve progredire e migliorare (di molto) le condizioni di vita dei suoi abitanti, diventare più vivibile e civile. Ma senza snaturare il suo essere Isola, con tutte le straordinarie e meravigliose  particolarità che solo un’isola può avere. Abbiamo dimenticato che il bene collettivo è il bene di tutti e che l’egoismo porta solo alla rovina. Non si vince da soli la battaglia della civiltà e dell’emancipazione, la si vince insieme, o la si perde insieme.

(Continua)

Gino Usai

 

Condividi questo articolo

1 commento per Ponza è un’isola (4)

  • giovanninappi

    Vorrei rompere il ghiaccio e sperare di avviare numerosi commenti a questo intervento di Gino Usai perchè mi sembra importante l’analisi fatta da lui sulle cause del degrado odierno dell’isola. Secondo me è necessario condividerle perchè solo riconoscendole è possibile trovare la bussola che può guidare i ponzesi verso una inversione di rotta, altrimenti non ci sarà riscatto e l’involuzione già in atto sarà irreversibile.
    Le prossime elezioni potrebbero essere una occasione da non perdere se si ha a cuore il bene dell’isola.
    Giovanni Nappi

Devi essere collegato per poter inserire un commento.