Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

La poltrona del dialetto (39). Senza maie arreva’

di Francesco De Luca

 

Questa rubrica offre un sostegno ulteriore al mio procedere verso la definizione  di quanto la vita sta impastando per me.
Si esprime in dialetto perché è la lingua che mi illude abbia una risonanza comunitaria.
Esplora ed evidenzia sentimenti, per lo più. Il mio animo vi si specchia.
Questa che presento risente del momento esistenziale che stiamo vivendo tutti e dell’eco che esso provoca in me.

Consiglio di gustarla col sottofondo di Tom Waits e Crystal Gayle – Take me home (vedi sotto)

Senza maie arreva’

Che ce faccio cca…
me sta piglianno ‘u friddo.
Quasi quasi me ne vaco a’ casa.

Stongo aspettanno ‘a tantu tiempo,
nun me ne fido cchiù…

Tutto è cagnato sotto ‘ll’uocchie.
Nun m’arretrovo…
nun m’accanosco…
songo ‘n’estraneo ‘ind’a ‘sta via.

Cca nun m’accapizze…(1)

Vaco a casa…
llà piglio calore e aria
‘Stu  poco ’i tiempo ca m’è rimasto
provo a nnuteca’  i fatte,
a riconosce i perzone,
a truva’ nu capo ‘i matassa
ch’ammosta (2) comme è stato
ch’aggio campato ‘ind’a ‘stu munno
comme ‘na canna ‘ind’ ‘a rasacca:
aspettanno ‘i stracqua’
senza maie arrevà.

Note: (1) – raccapezzo; (2) – mostri.

Questa la versione recitata

 

Take me home

Take me home you silly boy
Portami a casa sciocco ragazzo

Put your arms around me
Metti le tue braccia intorno a me

Take me home you silly boy
Portami a casa sciocco ragazzo

All the world’s not ’round without you
Perché il mondo non è più lo stesso senza di te

I’m so sorry that I broke your heart
Mi dispiace tanto di averti spezzato il cuore

Please don’t leave my side
Per favore, non lasciare il mio fianco

Take me home you silly boy
Portami a casa sciocco ragazzo

‘Cause I’m still in love you
Perché sono ancora innamorato di te

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.