Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-35 if 30-07-2005-19-31-11_0003 q-33 costa Piccola cernia, Epinephelus marginatus

Salviamo Lola, il beluga incastrato tra i ghiacci… giocando

Condividi questo articolo

di Ike Brokoph (Ulrike)

Ike è una presenza molto nota e familiare a Ponza. Proveniente dalla Germania, dopo aver girato mezzo mondo, si è fermata sulla nostra isola.
Qui ha trovato la sua giusta dimensione dedicandosi alle cose che ama fare e in gran parte suggerite dalla sua vena artistica. Così dipinge, illustra libri, crea oggetti di arredamento, fa la guida turistica per gli stranieri.
Incontrata recentemente a Ponza mi ha parlato di un nuovo progetto, quello della creazione di un gioco da tavola per grandi e piccoli che vorrebbe mettere sul mercato attraverso il sistema di finanziamento del crowdfunding. Il titolo è accattivante: “Salviamo Lola, il beluga (*) incastrato tra i ghiacci”.
Le ho proposto di pubblicizzarlo anche attraverso il nostro sito ed eccone la presentazione.
Enzo Di Fazio

***

Ho una novità per tutti voi…

Da un anno stiamo lavorando in gruppo alla creazione di un gioco da tavola per tutta la famiglia. Si chiama “Arctic Rescue” e viene spiegato con l’ausilio di foto e video sul nostro sito web  www.starfishergames.com

Il gioco è adatto a giocatori da 6 anni in su e si gioca in 2, 3 o 4 persone con la meta di salvare “Lola” il beluga, incastrato tra i ghiacci. Si tratta di un gioco classico, fatto di cartone illustrato e materiali che non danneggiano la natura. Non è un videogioco nè un gioco per cellulari!

Per poterlo finanziare e farlo arrivare sul mercato ci siamo rivolti ad un servizio di raccolta fondi, secondo il sistema crowdfunding (**)  utilizzando “kickstarter”, uno dei tanti siti web di finanziamento collettivo per progetti creativi, un sistema che aiuta a mettere in  comunicazione la gente creativa con la comunità per la raccolta fondi in tutto il mondo.
Questo il  campione che abbiamo fatto produrre attraverso kickstarter

Ma come si raccolgono questi fondi?

Siete ora voi ad entrare in gioco…
Kickstarter funziona come un amministratore a tempo limitato con una vetrina aperta su tutto il mondo. Offre lo spazio per presentare il progetto, aiuta a produrre il campione ed accoglie e conta eventuali donazioni.

I visitatori del sito (che sareste voi) ai quali piace il progetto presentato, possono contribuire alla sua realizzazione e alla sua produzione facendo delle donazioni e  ricevendo in cambio dei pacchi con il gioco o  articoli correlati al gioco.
Un altro aiuto può consistere nel pubblicizzare il progetto partecipando a più persone possibili i seguenti link:

–  http://starfishergames.com/

–  https://www.kickstarter.com/projects/1657960620/arctic-rescue-saving-lola

che conducono  rispettivamente al sito che illustra il progetto e a quello di finanziamento collettivo.

Detto ciò, considerato che il sito è in inglese, propongo una piccola guida per scoprire il gioco e sostenere, se volete, il progetto.

Dal sito www.starfishergames.com, cliccando sull’icona rossa “our projects” e successivamente sull’icona verde “kickstarter” vi apparirà questa immagine

Se siete curiosi e volete vedere il video basta cliccare sulla freccia verde; se volete sostenere il nostro progetto cliccate sull’icona verde “Back this project” che si trova sulla destra.
Si presenteranno, a questo punto, le seguenti opzioni:
– con una donazione di 5,00 € avrete il pacco “Breeze” pieno di tutta la nostra gratitudine;
– con 10,00 € o più il  pacco “Gale” contenente un bellissimo poster (50x70cm) con i protagonisti del gioco, firmato da me;
– con 15,00 € o più il pacco “Gust” con la nostra bellissima t-shirt con i protagonisti del gioco;
– con 33,00 € o più il pacco “Storm” contenente il gioco con cui divertirsi divinamente;
– con 47,00 € o più il pacco “Tempest” contenente il gioco e una borsa di cotone con la stampa dei protagonisti del gioco;
– con 57,00 € o più il pacco deluxe “Hurricane” contenente il poster, la t-shirt, il gioco e la borsa di cotone.

Il gioco si compone di:

una scatola illustrata da tutti i lati
un tappeto da gioco
24 Njord, le carte del dio della tempesta
30 Buffy, le carte sorpresa della lepre artica (in più 10 carte in bianco per creare sorprese individuali)
un dado, 4 porte del ghiaccio, 4 personaggi

…e come si gioca???

La meta del gioco è  salvare “Lola” il beluga, intrappolato tra i ghiacci. Voi assieme ai vostri amici scegliete ognuno un carattere: Emma, Dolores, Marlon o Grumpf che devono cercare la loro strada attraverso l’oceano antartico. Vi state muovendo su di un campo da gioco circolare.

Con l’aiuto di Njord, con le sue carte della tempesta, potete avvicinarvi a delle porte nel ghiaccio che permettono di passare da un cerchio di ghiaccio all’altro. Potete usare le carte di Njord anche per ostacolare un altro giocatore, spostando la porta di ghiaccio in suo sfavore. Buffy, la lepre artica invece influisce con le sue carte sorpresa in modo sempre inaspettato sullo svolgimento del gioco, ponendo ostacoli o aiuti quando meno uno se lo aspetta.

Dopo i tanti messaggi inviati ho capito, grazie alle risposte ricevute, che non era molto chiaro il nostro progetto  come non evidenziata abbastanza la necessità del sostegno concreto della comunità delle persone, soprattutto di quelle che vorrebbero trovare questo gioco sul mercato.
Spero di aver fornito un contributo a chiarire meglio l’iniziativa, a diffonderla e ringrazio quanti l’appoggeranno.
Ike

 

(*)   Il beluga (delphinapterus leucas) è un cetaceo bianco della famiglia dei Monodontidi presente in Alaska, Groenlandia, Canada e Russia. Alla nascita questi mammiferi appaiono scuri o grigio-bruni, poi con l’età si schiariscono fino a raggiungere la gradazione bianca tra i 5 e i 12 anni. Sono animali molto socievoli e giocosi. La parola “beluga” viene dal russo beloye che significa bianco [fonte: Wikipedia].

(**) Crowdfunding sta per finanziamento collettivo ed è un processo collaborativo di un gruppo di persone che utilizza il proprio denaro in comune per sostenere gli sforzi di persone e organizzazioni.
Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.