Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-08-11_19-57-57 h-16-h-15 i-02 p-18-4di4 paolo-16 s-01

Malattia e morte di Carnevale

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Secondo me qua ci sono responsabilità serie. Cca ’a cosa va a furni’ malamente!
Sang’ ’i Retunne – Di cosa parli?

Gg – See se, tu faie fint’ ’i nun sape’…  Tu sai niente manche d’u fiasch’i ll’uoglie? È vero?
SR – Giggi’, quante fai accussì, te desse ’nu muorze ’ncapa.

Gg – Secondo me è un’epidemia. I’ ’u vulesse sape’ di cosa sta morendo. È un mio diritto sì o no?
SR – Ma cosa? Chi sta morendo?

Gg – Uggesù, chist’è sceme! More chi è vivo! O no? He pure studiato? Po’ murì chi è già muorto? No! Si nun saie chisti cose…
SR – Secondo me ogni vernata t’arruina sempre’i cchiù ’a capa. La solitudine nunn’è pe’ te.

Gg – Uilloco uiii!  Mo’ accummiencie a fa’ ’u professore! Ma famm’ ’u piacere, cammi’!
SR – Giggi’, nome e cognome di chi vuoi sapere di cosa sta morendo. Altrimenti di cosa parliamo?

Gg – E bell’ a isso. E po’ se sbrevognano i fatti. Macché!
SR – Ma allora che vuo’ a me stammatina? Ma va, va! Va a tuzzulià a cocchedùn’ate!

Gg – Uvvi’ ca si’ sceme? Accussì se fa? “Non insiste chi non esiste”.
SR – A ecco! Io devo insistere per esistere? Una specie di test di esistenza vita.

Gg – Ma a te màmmete nun t’ha ’mparato propiete niente? Staie arruinate fratu mie.
SR – See se, mo’ accussi va a furni’. Allora insisto: dimmi chi sta per morire.

Gg – Carnevale, sta pe’ muri’!  Carnevale! …E nun se sape ’i checcosa. E i’ ’u vuless’ assape’.
SR – Giggi’ ma tu staie pazzianne o te fusse veramente ’nzallanute?

Gg’Uagliò, ie nun pazzeo c’a morte. ’Ngopp’u cimitero so fernut’ i posti.
SR – E allora non dire sciocchezze. Carnevale non è una persona. Carnevale non esiste.

Gg – A no? …’Nda piazza me l’hanno fatte vede’! Carnevale esiste, e è pure brutte: téne all’uocch’i pazze, ’na cap’i bomba e ’nu sicario ’mmocca…
SR – Giggi’, aggie pacienza… raccontami tutto dall’inizio alla fine.

Gg – “Luigie’u strunte” ha ditto: “Uilloco! ’Stu carnevale malato ’ngapa sta ancora ccà: ma a maggio è fernute pur’ isso, adda sule muri’”.
SR – Ma è un modo di dire, sicuramente è una metafora politica. La salute non c’entra  niente.

Gg – Ma quale metà-fora e metà-dinte, ccà l’epidemia ’i strunzaggine sta facenne ’na strage, è cuntaggiosa e io stongh’ preoccupato pure pe’ te.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.