Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0025-025 i-36 s-03 s-01 22 Spugne blu

La poltrona del dialetto. (3). Paese ’i mare

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Faro

 

Magia del rosso autunno.
La pioggia fuori pulisce ‘i grariate e gli acciottolati. L’isola attende l’assalto dell’inverno ventoso.
Sulla poltrona spaparanzati si ascolti questa poesia.
Per i pigri la versione recitata.

.

.

Paese ’i mare

 .

I vicule ca nasconneno paure

nfacc’i mmure macchie d’ummede e ’i muffa,

’u viento porta ’i vvoce d’i criature

ca iocheno ammiezz’ i uastaccette.

“Nun te ne i’, aspetta” –

suspira ’na figliola ’a ’na fenesta.

’Nu viecchio roseca ’na castagna pesta

e se record’ i iuorne d’a baldoria.

.

Ind’a ll’uocchie ’a sera va calanno,

ll’ombre d’i case scureno ’i vvie,

quanta tristezza, madonna mia,

manco ’u puorto tene allerìa.

’I vvarche senza culure

pareno tanta cane attaccate,

pure i lampiune stanno stutate

e ’a vita se perde ind’a ’stu scuro.

.

Paese ’i mare

c’aspiette ca cagne ’u viento

e te struie pe’ tramente,

mentre ll’onne sbatteno

e ’u viento crescenno

spanne ’i vvoce d’i uagliune

ca pareno lamiente.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.