Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-34 q-67 v3-13a 45 burghiba-al-confino-alla-galite galite-sud

Poesia. “‘O mare” di Eduardo De Filippo

Condividi questo articolo

Proposta da Ernesto Prudente

‘O mare

«’O mare fa paura».

Accussì dice ‘a ggente

guardanno ‘o mare calmo,

calmo cumme ‘na tavula.

E dice ‘o stesso pure

dint’ ‘e gghiurnate ‘e vierno

quanno ‘o mare

s’aizza,

e l’onne saglieno

primm’ a palazz’ ‘e casa

e po’ a muntagne.

Vergine santa…

scanza ‘e figlie ‘e mamma!

Certo,

pe’ chi se trova

cu ‘nu mare ‘ntempesta

e perde ‘a vita,

fa pena.

E ssongo ‘o primmo

a penza’ ‘ncapo a me:

«Che brutta morte ha fatto

‘stu pover’ommo,

e che mumento triste ch’ha passato».

Ma nun è muorto acciso.

È muorto a mmare.

‘O mare nun accide.

‘O mare è mmare,

e nun ‘o sape ca te fa paura.

Io quanno ‘o sento…

specialmente ‘e notte

quanno vatte ‘a scugliera

e caccia ‘e mmane…

migliara ‘e mane

e braccia

e ggamme

e spalle…

arraggiuso cumm’è

nun se ne mporta

ca ce straccia ‘a scugliera

e vveco ca s’ ‘e ttira

e se schiaffea

e caparbio,

‘mperruso,

cucciuto,

‘e ccaccia n’ata vota

e s’aiuta c’ ‘a capa

‘e spalle

‘e bracce

ch’ ‘e piede

e cu ‘e ddenocchie

e ride

e chiagne

pecché vulesse ‘o spazio pe’ sfuca’…

Io quanno ‘o sento,

specialmente ‘e notte,

cumme stevo dicenno,

nun è ca dico:

«’0 mare fa paura»,

ma dico:

«’0 mare sta facenno ‘o mare».

(Eduardo 1968)

Condividi questo articolo