Attualità

Saggezza paesana. Comme piénnule appise…

di Francesco De Luca
Le rane vogliono un re

 

Doppo anne e anne ’i sbaglie,

doppo tanta batoste suppurtate,

i Punzise ancora stanno ’mbambuliate.

E se lamentano d’u furastiero,

e diceno male ’i chi cummannava aiere,

e mò aspetteno ’u film d’a televisione

pe’ vede’ ca porta i turiste primma d’a staggione,

e pure si ’u vierno stanno comme viecchie ind’u ricovero

se vantano ca ll’isola è vista comme ’na perla rara,

ca ind’u munno ’nce stanno pare.

Senza spiagge,

p’attraccà ’a varca hè paga’,

senza giuventù ca se deverte a ’u sole,

è ’nu turismo virtuale:

vide chello ca nun è reale.

Stanno ancora ’mbambuliate i Punzise

e aspettano comme piennule appise.

N’hanno capito ca

chi primma nun penze

doppo suspira e chiagne.

.

Immagine di copertina. Illustrazione della favola di Jean de La Fontaine: “Le rane vogliono un Re”

1 Comment

1 Comment

  1. Silverio Tomeo

    10 Dicembre 2014 at 01:15

    Ispirato dalla Favola attribuita ad Esopo “Il re Travicello” e narrata poi da Fedro, a cui diede seguito Jean De La Fontaine ed anche il grande Giuseppe Giusti. Morale della favola: se le rane vogliono un Re hanno dopo ben poco da lamentarsi. Nella favola originaria di Esopo, Zeus mandava infine un serpente che si mangiava le rane.

È necessario effettuare il Login per commentare: Login

Leave a Reply

To Top
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: