Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0046-046 i-07 if k2-20 polina-1921 ss09

Ginillat. Scherzo in dialetto formiano (2)

Condividi questo articolo

proposto dalla Redazione
Largo Ginillat a Formia.2

.

Una certa curiosità e interesse ha destato un primo componimento presentato sul sito (leggi qui) di Giuseppe Angelo Tallini (pseudonimo Ginillat: – Tallini G. scritto al contrario), poeta dialettale formiano dalla vita avventurosa, che ci ha fatto conoscere Pasquale Scarpati…


Sul sito del Comune di Formia sono dedicate a lui queste righe:

Ginillat è il nome d’arte di Giuseppe Tallini, famoso per le sue poesie in dialetto formiano, nato a Formia nel 1898 e morto a New York nel 1983.
Il suo primo viaggio in America avviene per assolvere ad alcuni impegni familiari. Si innamora di una sua cugina e si trasferisce definitivamente nella metropoli statunitense negli anni ’20.
“E’ stato per tutti i cittadini formiani emigrati a New York un costante punto di riferimento. Primo presidente della Formia Association, che ancora oggi opera a New York, ha alimentato negli anni i rapporti tra le comunità formiane in Italia e in America” ha ricordato il Sindaco Sandro Bartolomeo nel corso della cerimonia ufficiale che si è svolta alla presenza di Erasmo Maddalena, Presidente della Comunità Formiana di New York, di Oreste Tino Maiolo, addetto alle Pubbliche Relazioni della stessa Comunità, e di Erminia Cicione, Consigliere Comunale.

Sabato 24 luglio 2004 è stata intitolata a Ginillat, Giuseppe Angelo Tallini, poeta formiano, il largo, utilizzato come giardinetto, prospiciente la scuola media “Vitruvio Pollione”, nello storico quartiere di Mola, proprio di fronte la famosa Torre”.

Largo Ginillat a Formia.1

Presentiamo qui di seguito una sua poesia in dialetto formiano che utilizza nel testo – evidenziati in corsivo – i soprannomi di cittadini formiani. Appare del tutto evidente la matrice popolare che unisce questo componimento ad altri in dialetto ponzese che abbiamo presentato sul sito, come Ninotto ’mparaviso, di Carmine Pagano, e A pescata cu’ Fracasso, di Gennaro Mazzella, entrambe nella versione messa in musica da Nino Picicco.

U-guarracino

Scherzo in dialetto formiano

Eve na iurnate de Scirocco
Me senteve comm nu Cane muorte
A Sarinele me ne ieve Quite Quite
Cà glie panne s’avevene ’Mpulusìte

Nu uzzarieglie steve arremeggiate
la poppa ‘ncanapete, pareve Cape de stoppa
Me cià zerette rent, poess Piscsuonno
ma le mosche, Sciò Sciò, ne me devine arrepuose

Pe la stanchezza e lu caure m’addurmeve
e n’suonno ’stu fatte me sunneve:

Eve muorte e ève m’Paraviso
A San Piete iett ritt ritt
I so’ menuto, gli dicette,
famme trasi’, fa lest.

– Aspiett, nun fa gliu Fessiglie
Caà dent nen se trese lest lest;
hamma vedè chai fatto a gliatu Munnu
prime che rapre gliu Cancieglie

Vien’accà, uarda da sta Fenesta
e dimme: canusce cheste’ggente?
E veche: Nfamone, Spurtelle, Manicotte,
Manzette
, Cice e Paste, Piotto,

Pelicche, Mangafone, Bardassutto
e uno ca canteve ère Saotto

Stocchitte, Quaquitte, Sciabbacche, Chiappitto,
Macpellone
, Lucigne, Spilapippa, Ciaraimo, Fradiàvule,
Scuppette
, Ottepalle, Cazzuraimo,
faceven’asciarre, pareve gliu Quarantotto

Dicette: San Piè, chiste so tutte Furmiene:
e manco ‘mparavise vanno d’accordo?
Se è accussì, sa che c’è di bello
Io preferische, San Pie’, “ai go to hell”.
(me ne vado all’inferno)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.