Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

pa-01 s-05 l-11 19 giovanni-darco-1973 Ritrovamento della parte muraria del vecchio porto romano

Un regalo da parte di ’A Priezza”

Condividi questo articolo

a cura della Redazione

 

La Compagnia ’A Priezza di Ponza si è esibita ieri sera a Cave (RM), in occasione della 77a Sagra della Castagna, sulla strada principale, a lato della Chiesa. Per l’occasione ha presentato una carrellata di sketch e pezzi d’Autore dal repertorio dei comici italiani con inframezzate canzoni, in lingua napoletana e non.

Al brio e alle capacità di improvvisazione dei componenti del Gruppo, veri continuatori dell’anima popolare della Commedia dell’Arte vanno le congratulazioni e il plauso della Redazione di ponzaracconta.

Vogliamo rendere omaggio a loro e regalare ai lettori di ponzaracconta una poesia di Totò, che il i ragazzi della Compagnia hanno presentato ieri sera in un breve video di affettuoso tributo a tutti i comici italiani, al buonumore e alla poesia che ci hanno donato e che essi cercano di tramandare.

La preghiera del clown

Noi ti ringraziamo nostro buon Protettore per averci dato anche oggi la forza di fare il più bello spettacolo del mondo.Tu che proteggi uomini, animali e baracconi, tu che rendi i leoni docili come gli uomini e gli uomini coraggiosi come i leoni, tu che ogni sera presti agli acrobati le ali degli angeli, fa’ che sulla nostra mensa non venga mai a mancare pane ed applausi.

Noi ti chiediamo protezione, ma se non ne fossimo degni, se qualche disgrazia dovesse accaderci, fa’ che avvenga dopo lo spettacolo e, in ogni caso, ricordati di salvare prima le bestie e i bambini.

Tu che permetti ai nani e ai giganti di essere ugualmente felici, tu che sei la vera, l’unica rete dei nostri pericolosi esercizi, fa’ che in nessun momento della nostra vita venga a mancarci una tenda, una pista e un riflettore.

Guardaci dalle unghie delle nostre donne, ché da quelle delle tigri ci guardiamo noi, dacci ancora la forza di far ridere gli uomini, di sopportare serenamente le loro assordanti risate e lascia pure che essi ci credano felici.

Più ho voglia di piangere e più gli uomini si divertono, ma non importa, io li perdono, un po’ perché essi non sanno, un po’ per amor Tuo, e un po’ perché hanno pagato il biglietto.

Se le mie buffonate servono ad alleviare le loro pene, rendi pure questa mia faccia ancora più ridicola, ma aiutami a portarla in giro con disinvoltura.

C’è tanta gente che si diverte a far piangere l’umanità, noi dobbiamo soffrire per divertirla; manda, se puoi, qualcuno su questo mondo capace di far ridere me come io faccio ridere gli altri.

[Totò – Dal film “il più comico spettacolo del mondo” (*), di Mario Mattoli; 1953]

(*) Girato nel 1953 da Mario Mattoli con un sistema per la ripresa tridimensionale brevettato all’epoca da Carlo Ponti e Dino De Laurentiis, ‘Toto’ in 3D – Il piu’ comico spettacolo del mondo’ è tornato in questi giorni sugli schermi, al Festival di Roma, dopo quasi 60 anni, grazie a un lungo e complesso lavoro di restauro fortemente voluto dal produttore Aurelio De Laurentiis e realizzato da Cinecitta’ Digital Factory.

Esplicita parodia de ‘Il piu’ grande spettacolo del mondo’ di Cecil B. De Mille, il film è sceneggiato, tra gli altri, da Mario Monicelli e ha nel cast, al fianco di Toto’, alcuni dei piu’ grandi interpreti dell’epoca, Marc Lawrence, Maj Britt, Franca Faldini, Enzo Garinei, Silvana Mangano, Anthony Quinn e Aldo Fabrizi.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.