Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

bp-01 ss22 ss24 104 viso-ponzese Una cintura di cistoseria a pelo d'acqua

Fadila. Poesia “Primavera”

Condividi questo articolo

di Gennaro Di Fazio

.

Su segnalazione di Assunta Scarpati, ho il piacere di presentare al pubblico di “Ponza racconta” Fadila Ben Khelil, nata a Ponza nel dicembre dell’88 da madre ponzese e padre tunisino.

Dalla sua biografia e dalle notizie ricevute da Assunta, si può certamente affermare che Fadila, sin da quando era bambina, ha sempre dimostrato molti interessi per l’arte e letteratura, tant’è che a soli 13 anni vince al concorso letterario ”Federico II” con la sua prima poesia intitolata “Primavera”.  Nonostante la sua giovane età Fadila ha già prodotto diverse poesie e componimenti con riconoscimenti vari, oltre ad aver collaborato per il giornale “Latina oggi” come corrispondente da Ponza.

Siamo quindi  lieti di ospitarla su questo sito e di pubblicare le sue produzioni letterarie e artistiche, non solo perché esse rappresentano una ricchezza culturale, ma anche perché speriamo  siano da stimolo per tanti giovani ponzesi.

 

Iniziamo con la sua prima poesia

Primavera

Ho una casa
sul colle
si vedono
giardini
in fiore

Nel silenzio
uccellini
cantano in coro

Una lucertola
verde
prende il sole

Dalla mia
finestra
vedo
il mare
una distesa blu:
volano gabbiani

Vaghi sogni
di bambina

(Fadila Ben Khelil)

Condividi questo articolo