Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

d-05 foto-02 scotti-e-bis 114 la-spiaggia Spugne e astroides si contengono lo spazio

Ncopp’ a sta terra, di Eduardo De Filippo

Proposta da Enzo Di Fazio

 

.

Un anno che passa è come il frastuono di una banda musicale, come il motivo che ti entra nella testa quando ti passa per vicino e che non senti più quando la banda si allontana…

Un anno che passa, pur con tutti i buoni auspici per affrontare quello nuovo, inesorabilmente spinge a voltarsi e guardare indietro. Inevitabile imbattersi in bilanci, errori commessi e opportunità non colte, ma anche cose buone fatte.
Diversamente la pensava Eduardo, il grande Eduardo, di casa da noi in questi giorni per quello che si è scritto sul suo capolavoro teatrale Natale in casa Cupiello interpretato da Sergio Castellitto.
L’anno scorso è stato il 120° anniversario della sua nascita.
Quale modo migliore per parlarne ancora ricordando Ncopp ‘a sta terra, una bella poesia dedicata all’anno nuovo

 

Ncopp’ a sta terra
di Eduardo De Filippo

Te pare luongo n’anno
e passa ambressa;
quann’è passato se ne va luntano;
ne passa n’ato
e quanno se n’è gghiuto
corre pur’isso nziem’ a chillo ‘e primma,
e nzieme a n’ati cinche
vinte
trenta
se ne vanno pe’ ll’aria
ncopp’ ‘e nnuvole.
E ‘a llà tu siente comm’ a nu frastuono
ch’è sempe ‘o stesso
‘a quanno ‘o munno è munno
ncopp’ a sta terra:
comme si fosse ‘a banda d’ ‘o paese
ca scassèa mmiez’ ‘o vico
e s’alluntana.
Trase int’ ‘e rrecchie quanno sta passanno
e nun ‘a siente cchiù quann’è passata.
Ma na cosa te resta:
sa che te rummane?
Te rummane ‘o ricordo ‘e nu mutivo
comme fosse na musica sperduta
‘e nu suonno scurdato,
ca t’è paruto vivo
chiaro cchiù d’ ‘o ccristallo
dint’ ‘o suonno
e nun ‘o puo’ cunta’ quanno te scite
manc’a te stesso,
tanto è fatto ‘e niente.

 

Di seguito la versione recitata con la voce di Gianni Caputo:

1 commento per Ncopp’ a sta terra, di Eduardo De Filippo

  • La Redazione segnala Gabriele Romagnoli

    Chiamalo col suo nome
    dalla sua rubrica giornaliera: “La prima cosa bella“, su la Repubblica di oggi, 20 gennaio

    La prima cosa bella di mercoledì 20 gennaio 2021 è un dialogo fra Eduardo De Filippo e Antonio de Curtis in arte Totò. Non al cinema, ma nella situazione peggiore: a un funerale.
    Lo racconta l’aiuto regista di De Filippo nel documentario “Il nostro Eduardo” (visibile su Sky Go/Sky Arte).
    Era morta la figlia bambina di Eduardo, cadendo sulla neve mentre stava sciando. La notizia gli era stata data in teatro. Alle esequie erano tutti senza parole, solo lacrime. A un certo punto arriva un’auto, enorme. Si ferma davanti alla chiesa, ne scende un uomo elegante, piccolo di statura: è Totò. Si avvicina a Eduardo, si ferma, i due si guardano. Totò dice: “Edua’!”. L’altro replica: “Antonio!”. Nient’altro. È tutto.

    Il nome come dichiarazione. Io riconosco te. Il tuo dolore è il mio, lo sento e lo rispetto. Io riconosco te. La tua presenza è il significato. Qua siamo. Dovunque andremo. Già ho sprecato due righe per dire quel che espressero in due parole. “Edua’!”, “Antonio”. A scuola ci insegnavano la poesia poi ci chiedevano la parafrasi, l’elaborata spiegazione di quel che l’autore aveva condensato in una forma perfetta. Invece di studiare il percorso di quella sintesi abbiamo imparato così l’opposto: fuggire dalla profondità del senso per affogare in un mare di parole. Anche la perdita è diventata un lungo, superfluo romanzo. Ai grandi uomini basta il frontespizio: “Edua’!”, “Antonio!”.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.