Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0025-025 foto-0003 i-30 p-18-4di4 lamonica-01 Una delle tante vele storiche

Richiesta di Assemblea pubblica

la Redazione

.

Pubblichiamo, come ci è stato richiesto, la seguente lettera al sindaco nella quale viene posto da alcuni cittadini, delle Forna e non, il quesito di cosa intenda fare, questa amministrazione, sul risanamento di Cala dell’Acqua e sulla sua destinazione urbanistica

Al Sindaco  del Comune  di  Ponza

 oggetto:  richiesta di Assemblea pubblica 

Poniamo alla Sua attenzione l’urgenza di indire una Assemblea Pubblica, da tempo promessa, per portare a conoscenza dei cittadini ponzesi – e in particolare della frazione di Le Forna – le scelte della nostra amministrazione per il risanamento di Cala dell’Acqua e la sua nuova destinazione urbanistica.

Ricordiamo al Sindaco di essere stato eletto sulla base di un programma che fermamente  escludeva la possibilità di installare impianti industriali – Centrale elettrica o dissalatore che sia – in località Cala dell’Acqua.

Tutti noi che presentiamo questa richiesta abbiamo contribuito, spesso con sacrificio, alle spese necessarie per affrontare un ricorso in aiuto a quello presentato dal nostro Comune, perché venga annullata la sciagurata determina della Conferenza dei Servizi che prevede al contrario l’inizio dei lavori temuti.

Tutti i cittadini interessati devono poter sentire quello che il LORO SINDACO ha da riferire a questo proposito.

Poiché le regole imposte dal Covid 19 impediscono eventuali assembramenti, chiediamo che venga messa a disposizione una sala che possa contenere, rispettando tutte le regole, circa 50 persone. Numero che finora a Ponza difficilmente è stato raggiunto.

Se eventualmente, data l’importanza del tema trattato, le persone interessate dovessero superare questo numero, il Sindaco potrà provvedere a far installare all’esterno della sala un altoparlante che dia modo a tutti i presenti di sentire quello che il Sindaco avrà da dire.

Con rispetto e fiducia, a nome dei sottoscrittori della raccolta dei fondi,

Dionigi Feola

Foto di Annalisa Sogliuzzo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.