Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

ep-05 k2-18 ss-21 21 corrida7 Spugne che si contengono lo spazio

Inverno a Ponza

di Francesco De Luca

.

Strano inverno, questo. A Ponza si vive con una solitudine maggiore. La vecchiaia avanza, si sa. Quel che porta si va a provare ogni anno che passa. Senza freddo, senza attracchi sentimentali. Un grigiore che appesantisce…

Prieghe Ddio ca manna ‘u viento

Quanno è accussì
prieghe Ddio ca manna ‘u viento…
almeno isso alluntana
st’aria ‘i funerale
ch’ammorba ‘u paese.
Pure ‘a campana
pare ca sona a muorto
e ‘a venuta d’u vapore,
ca primma era na festa,
trova quatte disgrazziate,
iute (1) llà a forza.

Stamme cca…
‘stu vierno senza friddo
ce sta seccanno
comme ‘na castagna pesta.
Surtante i roie (2)
se metteno ‘n mosta.
ind’all’acqua d’u puorto,
nsieme a i varche attraccate
e ai piscature  ‘ncazzate.

‘U Municipio,
‘a coppo,
guarda ‘na piazza senza gente.
‘Nte dico si gire p’i vicule e p’i riune…
si’ furtunato
si ncuntre quacche perzona.
I porte so’ chiuse,
e i cane, pure ll’oro, s’annasconneno.
Stamme tutte ‘nfurnate ind’ i case,
aspettanno c’u sole ce fa asci’.
Ma ‘u sole scarfa ‘u cuorpo
‘nce’a fa a luva’ ‘a paura
ca se vede ind’a ll’uocchie
‘i chi se sente sulo.

1) – andati ; 2) – i gabbiani

Ponza inverno 2019

Questa la versione recitata:

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.