Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-29 Foto di gruppo v-10 ss17 67 sl372216

Dig dig! Terza e ultima puntata

di Silverio Guarino

.

Per le puntate precedenti leggi qui e qui

Come è andata a finire, vi chiederete?
Doveva andare proprio così, con educazione e buonsenso e rispetto delle leggi e delle regole.

Al mio ritorno a Ponza la settimana dopo, nei giorni feriali (di lavoro), i rumori degli operai sono iniziati alle 08.30, puntuali. Per legge di fisica i rumori si trasmettono più rapidamente nei mezzi “solidi” come i muri, rispetto all’acqua o all’aria. E così, sembrava proprio che un inesperto dentista si volesse cimentare con trapani desueti e fuori norma.

Uscendo di casa, ho ricordato al Mastro delle promesse della settimana prima e così è stato: i rumori più forti e fastidiosi sono stati dilazionati alle ore più tarde della mattinata e i giorni successivi mi sono risvegliato senza grossi scossoni.
Ma era ancora stagione di lavori “invernali” e bisognava pertanto portarli avanti; successivamente non si sarebbero potuti più eseguire e pertanto questi rumori e questi disagi bisognava accettarli e tollerarli.

Diversa, invece, sarà purtroppo la condizione della musica ad alto volume, delle urla e schiamazzi notturni della “movida” estiva o del rumore delle ruote dei trolley sui vasoli del corso nel silenzio effimero delle albe dell’estate.
Lì ci vorrà la presenza costante dell’autorità costituita per far funzionare le regole e le leggi esistenti che non solo non vengono rispettate, ma costantemente ignorate.

Per quanto riguarda il mio soggiorno sull’amato scoglio, dal 30 aprile al 3 maggio, niente favori e niente cordialità o disponibilità condite da metodi ambigui o “mafiosi”, ma solo buonsenso e civiltà.
Si può ancora fare ed io l’ho provato.
Per non cadere nell’errore di quei due fidanzati che si erano lasciati perché avevano preso l’abitudine di non parlare più tra loro.

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.