Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-07_0 v3-13a scotti-d-bis ss10 102 sl372213

’A rosa, ’o ’mbrello, ’e vvarche

Tre poesie in dialetto napoletano di Paolo Mennuni

 

.

Sic transit

Quann’è primmavera schiuppeno ’e rrose
n’aggio cuoveta una annascosa,
cu’ cura e manera l’aggio tagliata
e dint’ a ’sta casa ll’aggio purtata.

Po’ l’aggio misa dint’ a ’na giarra
tiseca comm’ a ’na cord’ ’e chitarra.
’Sta giarra ’e cristallo dint’ a la stanza,
quanno trasive sentive ’a fracanza!

’A ggente guardanno, ammirava ’ncantata
’’sta rosa rossa e accussì profumata
diceva: “Che splendore e che bbellezza!!
Doppo tre juorne stev’ int’ ’a munnezza!


Così passa
– A primavera sbocciano le rose / io ne ho colta una nascosta, / con cura e maniera l’ho recisa / ed in casa l’ho portata. // Poi l’ho messa in una brocca/ turgida come una corda di chitarra / Questa brocca di cristallo nella stanza, /…quando entravi sentivi la fragranza! / La gente guardando ammirava incantata / questa rosa rossa e così profumata / diceva: “Che splendore e che bellezza!” /..Dopo tre giorni … era nell’immondizia

Tiempo e primmavera

M’affaccio p’a fenesta, m’appenno
e guard’o cielo; sto ascenno.
Chiove, nu’ chiove, schiove, mo’ m’ ’nfonno

pecché crero ca chiuvarrà a zeffunno!
E si vaco ’a via ’e fora senza ’o ’mbrello
vaco certo a piglià ’nu purpetiello!
Pe’ tramente m’affaccio nuovamente
e veco ’nu cielo libbero e lucente!
’Stu tiempo pazzo me vo’ fa’ abbuca’!
Me stongo a’ casa, voglio restà accà!
Jesce ’o sole, ’nu sole prote bbello:
simmo prurenti… ascimmo cu’ll’ombrello!

 

Tempo di primavera: M’affaccio dalla finestra, mi sporgo / e guardo in cielo; sto uscendo! / Piove, non piove, spiove, ora mi bagno / perché credo che pioverà a dirotto! / E se esco mi bagnerò come un pulcino!/ Intanto mi affaccio un’altra volta / e vedo un cielo libero e lucente! / Questo tempo pazzo mi vuol fare ammalare, / mi sto a casa, voglio restare qua! / Esce il sole, un sole proprio bello: siamo prudenti… usciamo con l’ombrello!

’E vvarche

E dormeno ’sti vvarche ’int ’a marina,
e dint’o puorto pareno sciata’!
Parlano, ma senza fa’ ammuina
dint’o silenzio, sulo pe’ ’nciucia’!

Nun alluccano maje, parlano chiano,
stanno sempe tutte quante affilate
cumm’ ’e surdate ’nnanz ’ ’o capitano
e passano accussì tutta ’a jurnata:

A me me pare de senti’ ’sti vvoce
cumm’a ’nu suspiro ’int’a nuttata
ca te fa’ addubbeca’ doce doce
comm’a ’na ninna nonna cantata!

E ’a notte, sott’a luna chiara e ’e stelle,
se moveno sulo si ’o mare sciata,
se sente ’nu suspiro, ’na tussella
quanno ’o viento arriva ’vasci’a ’sta calata!

 

Le barche – E dormono le barche nella marina, / e nel porto sembra che respirino! / parlano ma senza fare chiasso / nel silenzio, solo per spettegolare // Non alzano mai la voce, parlano piano, / stanno sempre in fila / come i soldati davanti al capitano /e passano così tutta la giornata /A me sembra di udire queste voci / come un sospiro nelle notte / che ti fa addormentare dolcemente / come una ninna nanna cantata! / Di notte sotto la luna chiara e le stelle, / si muovono solo se il mare respira, / si sente un sospiro, una tosse leggera / quando il vento arriva giù da questa discesa!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.