Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0009-009 h-30 i-03-bis p-03 c1-16 106a

Una canzone per la domenica (35). Scalinatelle ‘i Ponza

proposta da Francesco De Luca

.

Approfitto della rubrica domenicale suggerita da Sandro, per presentare una canzone che dipinge in modo accattivante la vita su di un’isola, il suo sbattimento fra ricerca di isolamento e tensione verso il continente.
E’ Scalinatella, parole di Enzo Bonagura, musica di Giuseppe Cioffi.

Come non riconoscerci, noi Ponzesi, fra quelle scalinate, interminabili, strette, che partono dal mare e portano in cielo. Lì, fra quelle viarelle scarrupate, nascono amori contrastati, e si dispiegano esistenze. L’isola è sognata ma non appaga. È breve la soddisfazione, più agognato è il continente e la sua vita da furastiere, con le sue comodità.

Si perde allora il canto dei passi sul selciato… Zuc, zuc, zuc… “È lei, la riconosco… è lei…”
Un amore paesano, genuino come il pane, aspro come il sale, vasto come il mare.

Ne abbiamo consumate di scalinatelle, noi isolani… per fare, venire, provvedere, rimediare. Per amare. E se è il pianto ad intasare il cuore nessun luogo è consolante come l’isola. Addò se ne po’ ghì chi è stanco ‘i chiagnere? L’isola disperde i sospiri fra i dirupi e ridona all’animo la pace.

Ogni giorno parte un vapore, ogni giorno un sussulto di speranza. Dimane vene n’ atu vapore!

Ascoltiamola da Youtube nella più classica delle versioni, solo voce e chitarra, da Roberto Murolo (da Napulitana No. 1 – Storia della Canzone Napoletana):

.

.

Scalinatella

Scalinatèlla,
longa, longa, longa, longa
strettulélla
strettulélla,
addó’ sta chella
‘nnammuratèlla?

Nun spónta ancora…
zuc, zuc, zuc, zuc…
zucculillo
zucculillo,
pe’ ‘sta viarèlla
scarrupatèlla!

Addo’ mme ne vogl’í, t’o ddico… e crídeme…
addó’ se ne pò ghí chi è stanco ‘e chiágnere?!

Scalinatèlla
saglie
‘ncielo
o scinne
a mare
cercammélla
trovammélla, pòrtame a chella
sciaguratèlla!

Chella s’è ‘nnammurata ‘e ’nu pittore
ca pitta Capre e parla furastiero…
e i’ porto ‘mpiétto nu dulore ‘e core
e sento che mm’accide ’stu penziero!

Scalinatèlla
longa, longa, longa, longa
ecc…

A ghiuorne a ghiuorne parte ’nu vapore…
A ghiuorne ‘ammore mio se vótta a mare!

Devi essere collegato per poter inserire un commento.