Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

28-07-2005-0-18-15_0000 k2-29 bp-01 gs pg 47

E s’i ciuccie nun ragliene?

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Questo è tiventato il paeso del mistero. Nun si accapiscio chiù niento.
Sang’ ’i Retunne – E ci credo, se tutti si mettono a parlare in italiano maccheronico come te c’è poco da capire.

Gg – ’Uagliò, ’a prufessuraggine è ’na malatia seriamenta crave, ve ’mpesta malamente a vuie punzise-frastiere.
SR – Continua con questa storia “di chi va e di chi resta” e vedrai come andremo a finire.

Gg – E chille pecchesse nun s’accapisce chiù niente. Oramaie parlamme doie lengue differenti. Simme doie popolazioni spartute.
SR – Come dire che siamo separati in casa?

Gg – Ma quanne maie ce simme spusate!? Vuie site extra-ponzianitari. ’U tenite o no ’u permesso ’ndu soggiorno?
SR – Giggi’, non dire queste sciocchezze che qualcuno potrebbe crederci.

Gg – I’ diche che cca’ ’a ggente ha perze ’a bona abitudine ’i se sta zitte. Site state vuie punzise-frastiere che l’avite abituate a parla’ a ’sti quatte cafune arreccute. Ca’ mo se parle, se parle, se parle, se parle… E nu’ sta bene. È ’n errore di sbaglio.
SR – E perché non starebbe bene? Sentiamo.

Gg – Pecché ’ndu silenzio se fatica meglio. I chiacchiere fanne perdere i cervelle e fanne veni’ strani vulìe. È chiaro?
SR – Quindi, secondo la tua teoria, quando uno sta zitto significa che va tutto bene?

Gg – ’Uagliò quanto ’u ciuccio sta zitte tre songh’i cose.
SR – A sì? E quali sarebbero?

Gg – O sta faticanno, o sta mangianne!
SR – Giggi’ ne manca una.

Gg – O sta durmenne doce doce…’nda mammacia.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.