Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

05-11-2005-19-19-41_0001 e-11 t3-5a m2-11 81 adele-con-nicola-rao-tg-r-lazio

Dove nasce la tradizione orale

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Ho coltivato il dialogo coi libri tanto quanto quello con i simili. Li trovo entusiasmanti e divertenti.
Oggi a Santantuono, nei pressi del giornalaio, ho condiviso il tempo e la vicinanza con un gruppo di compaesani.

Ci si lamentava che il poliambulatorio senza la connessione internet è impossibilitata a dare servizi e ciò rende la comunità più isolata di quanto già l’inverno non costringa. Malumori, senso di impotenza e poi la rassegnazione. E’ lo stato d’animo dominante. Passata è la tornata elettorale. Soltanto i patiti si affannano nelle analisi. La gente comune l’ ha già metabolizzata. La politica di solito è parolaia mentre la gente è più attenta ai fatti, a quelli che toccano la quotidianità. E infatti oggi piove, fa freddo e non c’è gusto a stare all’aperto a parlare di quanto ci disturba. Quasi tutto.

Giovanni è irritato perché le fave non crescono con questo tempo e Ricciolino cela sotto i baffi il suo disappunto. Viene una ragazza e Ricciolino ci lascia e va all’edicola per darle il giornale. Ci voltiamo tutti a guardarla perché lo spettacolo merita attenzione. Salvatore, che ci snobba perché noi parliamo in italiano e lui invece parla come mangia, sentenzia:

‘A uagliona se fa uarda’.

‘A mamma ce ha dato ‘na dote

ca vale ‘nu tesoro.

L’aità pure l’aiuta…

ma chello ca calamita ll’uocchie

‘u porta a puntino

chillu culo a mandulino.

Ascolto con curiosità, e rifletto. Forse è questa la fonte da cui sgorga la tradizione popolare. Forse è questa la frontiera: di qua c’è l’estro di un passante che coglie genialmente l’attimo e di là c’è il rassodamento di una espressione in un detto.

Pensate che farnetichi? E allora com’è che dico culo a mandulino e tutti capiscono a chi mi riferisco?

 

***

L’immagine, scelta dalla Redazione, è ispirata a una foto di Man Ray (1890-1976): “Le violon d’Ingres”), pseudonimo di Emmanuel Radnitzky, pittore, fotografo e grafico statunitense esponente del Dadaismo.

Spiegazione del titolo dell’opera
Riprende un’espressione francese “il violino di Ingres” che fa della passione di Ingres per il violino, quando abbandonava i suoi pennelli, il prototipo dell’hobby. Qui il titolo suggerisce che le donne, e 
in particolare la modella della fotografia (Kiki de Montparnasse), erano per Man Ray, quando metteva da parte la sua arte, il giusto passatempo di sostituzione.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.