Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

l-05_0 u-13 u-24 i-22 10 86

La poltrona del dialetto (25). Cagne ’a staggione

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

Le prime piogge, le prime libecciate… le nuvole che vincono sul sole. Sui sensi vince il pensiero. Quello che rovista nelle tasche dei vestiti dismessi, nei cassetti dei vecchi comò.
Vi trova briciole di umanità.

 

Cagne ’a staggione

Voce luntane
c’assommeno chiane
e ’nse fann’a capi’.

 Vanno ind’u viento…
se senteno? ’Nse sentono.
Che diceno?
Niente…
ind’u cielo se perdeno…

È ’a terra ca chiamma…
vo’ cumpagnia
mo’  ch’a staggione se prepara a ’u peggio.
Senza smania,
senza affanno cerca cunforto.

 ’A natura cummanna
e ’i cose e l’uommene l’accuntenteno.

 Ce vo’ poco a campa’ …
basta ’a salute.
Tanto… ’a morte sta llà…
aspetta ’u signale …

Remmane addo’ staie… ’nte scummuda’…
chisto è ’u tiempo mio
fammello gude’
comme voglio io.

 

Qui la versione recitata:

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.