Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0021-021 l-05_0 vg-02 de-vito t5-18 corrida16

La poltrona del dialetto (19). Nfunn’ u mare

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Fondo. Stella.1

 

Nell’inverno astioso più sereno è l’animo dell’isolano che nell’amico mare ripone le sue angustie. Il dialetto poi facilita la ricerca di una plaga in cui sostare.


Nfunn’ u mare

Nfunn’u mare s’ arrepose ’u core,
se quietano i patemiente,
perdeno voce i turmiente.
Chi s’ accumpagna a ’u mare
nun remmane maie sulo.
’U mare appacia i dulure.
Se gnotte i currive,
i ppicceche, i gelusie.
Sazzia sulo c’u staie a guardà.
S’ arrobba i penziere
e ’i spanne pe ll’onne
luntano.

’U mare è n’amico fidato,
scancella i pene,
t’arrecorde sulo i cose belle
ca ’u pietto nserra.

Ienche ll’uocchie d’azzurro.

Questa la versione recitata:

Fondo. Bottiglia

 

 

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.