Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-26 30-07-2005-19-32-10_0004 k1-14a ms-01 v6-2 96

La poltrona del dialetto (12). ‘A Femmenella

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

femmenella

.

Renato ‘i Pasqua, Martiello, Cialì, Silverio ‘u matto. Volti, vicende, relazioni. La comunità come una tela. Ognuno per sé, l’altro con l’altro. Tutti connessi in un unico ordito che si srotola dal passato.

 

‘A Femmenella

“Adda fenì sta zezzenella –

predecava ‘a copp’ u ciglio ‘a Femmenella –

pentiteve d’i peccate vuoste,

‘u Signore quanno mena è tuosto”.

‘A gente ‘u sentev ‘ a na recchia sola,

che vulite ce steveno ‘i spuse ammiezz’a sala,

‘a musica sunava, se ballava,

se vuttava mmocca senza nemmeno vedé che ce steve.

Chi ‘u sentev’ a chillu predicatore

ca scassava ‘u cazzo ‘a copp’ a n’ ora.

E isso steve llà, aizzato ncopp’a catena,

comme n’anema npena.

Fenette ‘a festa, l’invitate se ne ietteno,

‘i spuse, stritte stritte, pure ‘i lastre chiudetteno.

Na femmena chiammaie: “Femmené viene accà”.

‘U predecatore scennette e se mettette a mangià.

Vecino ce steveno ‘i cane, pure lloro aspettaveno ‘u pane.

‘A Femmnella a uno ce dette nu caucio:

“’I peccate tuoi so’ ‘i pullece – decette –

vattenne, stu piatto è sulo ‘u mio,

ie sulo so’ figlio ‘i Ddio”.

.

Ascolta qui la versione recitata dal file mp3:

 

L’immagine di copertina (titolo: Femmenella, 2003 – acrilico su tela cm.150×150) è un’opera di Roxy in the Box (all’anagrafe Rosaria Bosso), artista pop napoletana.

Condividi questo articolo

1 commento per La poltrona del dialetto (12). ‘A Femmenella

  • silverio lamonica1

    A guerra appena finita, a Ponza scarseggiavano ancora i viveri. Un giorno “a femmenella” si imbatté in una specie di tortino messo tra le pietre nei pressi di un’abitazione. La fame era tanta e l’improvvido ne fece un solo boccone. Alcune ore dopo fu soccorso per un grave malessere all’addome: aveva praticamente ingurgitato un’esca per topi! Quando lo seppe replicò:“Ma comme, chella era accussì bella, colorita colorita!”

Devi essere collegato per poter inserire un commento.