Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

t3-5a ss09 12 aricolo casa-di-giuditta-e-filippo-vitiello Una cintura di cistoseria a pelo d'acqua

La poltrona del dialetto (10). Gennarino

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca
Gennarino copia

.

Beh, di questi tempi, più che in poltrona ci si accomoda su di una sdraio, al sole.
L’ho fatto, l’altro giorno, nel cortile di casa e … mi sono appisolato.
È stata breve la caduta di coscienza, e mi sono ritrovato circondato da volti di persone passate. Come… Gennarino

.

Ascolta qui dal file mp3

.

Gennarino

Se Gennarino putesse campà
tant’ anne quante perete fa,
hè voglia a venì ‘u duimila,
‘u truvasse ancora giuvanile giuvanile.

Mentre cammina cu l’aria svagata
t’ammolla na pereta ca pare na ntrunata;
sta assettato ca guarda ‘u passaggio,
nu peretiello luongo luongo se spanne p’ i paragge.
E certi vote ‘i ffa accussì suavemente
ca tu nte n’accuorge ‘i niente
se nun fosse pe chell’andore puzzulente
ca si nun scappe, nesciuno t’ u leva nu svenimento.

Che vulite, chille tene ‘a bona digestione,
pecché ‘u brav’omme ha pigliato ‘a devuzzione
‘i nse perde manco na prucessione.
‘U stommaco se move, vuie ‘u capite,
e dalle e dalle c’esce ‘u pirito.

Nuie nce facimmo cchiù caso
a ‘i fiete ‘i Gennarino ce avimmo fatto ‘u naso.
Isso però se mette nu poco scuorno
e perciò tosse tutt’ i mumente d’ u iuorno.
E’ na tussella insistente e asciutta
comme na rasca che nun vò ascì ‘a vocca;
è secca e continua sta tussella
c’ u fa canosce ‘a luntano, comme fosse na campanella.

E isso s’a tene, nse lamenta ‘i sta litania
oramai è addiventata na cumpagnia.
Sulo ind’ i iuorne d’a Passione,
quanno se chiagne Gesù cu devuzzione
e Gennarino adda ntunà comme nu lione
‘a Passione d’ u Signore,
che ce spetta comme Priore
d’ a cungrega d’ a Madonna Addulurata,

allora nun po’ permette che sta tosse disgrazziata
ce fa perde ‘u ritmo d’ a canzone,
e na iastemma ce ammolla senza esitazzione.

‘A Madonna sente e se sta zitta,
che po’ dice chella puverella afflitta.
U figlio ce l’ hanno acciso senza pietà
chille ca mo se vattene ‘u pietto cu sulennità.

‘I ghiastemme ‘i Gennarino, vista l’intenzione,
s’ammereteno na doppia benedizzione.

Gennarino. Ritaglio da Processione alla punta del molo.ORIG.

Condividi questo articolo

1 commento per La poltrona del dialetto (10). Gennarino

  • silverio lamonica1

    Caro Franco,
    Come si può notare, nemmeno la “poltrona” sia pure “del dialetto” riesce ad attutire i sani rumori dell’indimenticabile Cialì, il quale quando era arrabbiato, non tossiva, ma li sottolineava esclamando: “ ‘A faccia d’u municipio!” perché l’ E.C.A. (Ente Comunale di Assistenza, soppresso da qualche decennio) tardava a corrispondergli il sospirato sussidio.
    Quando morì sua madre, piangeva con urla strazianti. Gli amici invano cercavano di calmarlo, rincarando la dose: “Chest’ n’è niente! E à vedé quann’ vene sorema d’i Fforne!” (frase ormai proverbiale).
    E tanti altri aneddoti potrebbero seguire …

Devi essere collegato per poter inserire un commento.