Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-16_18-58-30 u-36 k2-14 l-13 68c corrida13

La Passione del Tristo (*)

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne
1. Venerdì pesce

 

Giggino –  È inutile che uno s’accide ’i fatica e fa carte fauze… ccà nun se po’ fa’ propiete niente.
Sang’ ’i Retunne – Questa frase già mi pare di averla sentita da qualche parte. O mi sbaglio Giggi’?

Gg – Certamente, l’ho detta io. L’ho detta e la confermo tutta quanta. Sanasana.
SR
– E che fatica inutile avresti fatto? Sentiamo!

Gg – Ie ’u diceve: “Lasciamm’a perde ch’è tutte tiempe piérz’… a lava’ ’a capa ’u ciuccio…”.  E invece no, qualcuno dice:  “Qua ci dobbiamo dar da  fare, non dobbiamo essere meno di Vientutene e di Formia… pure ccà tenimme ’i capacità, tenimm’i palle”.
SR – A ecco, finalmente un discorso concreto, un giusto scatto d’orgoglio campanilistico.

Gg – Cheee?
SR
– No niente, niente… volevo solo dire che concordo con le palle.

Gg – Mo’ dico io… è mai possibile che quando ce mettimm’a raggiuna’ nun se trova mai ’na soluzzione? Va a furni’ sempe a fiet’i culo! Che schifo!
SR
– Giggi’, non vorrei sembrare invadente, ma a che proposito tutto questo?

Gg – Volevano fare una sacra rappresentazione laica. Mo’, ha ditt’o mast’ che primma di fare la minestra bisogna vedere se si ci sono tutti gli incredienti.
SR
– É giusto e allora?

Gg – Ma comme se po’ fa’? Facimme ’nu cenzimento e truvammo: quatte Giuda traditori; duie impiegati farisei; Pilati: sule femmene; ’nu cammello ’nzallanute e pisciasotto; ’nu dio ’mbriacone e tre guardie pretoriane ’ndrunàte cummanate ’a ’nu centurione straniero e pure femmena?
SR
– Azz! ’Na rruina!! Effettivamente non ci stiamo con i personaggi.

Gg – Ma la cosa cchiù grave assaie è che ce simme appeccecate a chi mette ’ncroce. M’he crede, n’avvilimento..!
SR
– A sì? Non c’era disponibilità?

Gg – No no, ’u ccuntrarie, ce ne steva troppa. Cca stamme chine ’i povericristi!
SR
– Effettivamente!

Gg – Ha ditte Enz’ ’u verde: “Mettimme ’ncroce gli abbusivi!”.
SR – Giusto. Poteva andare.

Gg – Ma comme se fa? Sfrattamme tutt’u paese?
SR
– Pure chest’è vero.

Gg – Allora ha ditto Franchino: “Mettimme ’ncroce i barcaiuoli. Nient’a me e nient’a nisciuno”.
SR
– Addirittura?

Gg – E manc’ se po’ fa’. Quanti crocie ce vonne? Chi cazz’i paga?
SR
– E già!

Gg – Ha ditte zi’ Michele: “Allora mettimme ’ncroce gli albergatori: loro fanno ’nu sacch’i sorde”.
SR – Zi’ Michele non si smentisce mai. Semp’u solito bolscevico comunista.

Gg – Nun se po’ fa’, nun se po’ fa’: po’ chi cazze ’a pav’a munnezza?
SR
– E dalle… stai a vede’ che gira gira…

Gg – Po’ se n’he sciuta bella bella ’a scrivana rossa santamariola: “Mettimme ’ncroce chi ha scritt’i mattunelle d’i cazzate”.
SR
– E dai..! Questo mi sembra davvero esagerato

Gg – Ha ditte l’avvocato d’i cause perse: “Nun se po’ cundannà! L’autore d’i cazzate maiolicate al momento della composizione non era nelle facoltà di leggere e di scrivere”.
SR – E ti pareva! Il solito cavillo giudiziario.

Gg – Inzomma alla fine steveme facenn’ a mazzate malamente… che è arrivata’a soluzzione.
SR
– A sì?

Gg – Sì sì. A ’nu un cierto punt’ è trasùto uno “tristo assaie”, tutte pelate, c’all’uocchi’e pazzo e cu’ ’nu sigario mmocca e ha alluccato: “’Ueee, basta così! Visto che nun sete capaci de metteve d’accordo manco su questo, mo’ ve la faccio fa’ io ’na bella passione.  C’a tassa de sbarco compro 3000 croci d’ulivo e ve ce faccio ’nchiodà sopra veramente dai miei centurioni. Avete capito? Brutta razza de cafoni chiacchieroni, sfaticati, cornuti, illegali e buoni a nulla”!

 

(*) Tristo: malvagio, losco

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.