Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

c2-17 i-28 gennaro-di-fazio lamonica-02 casa-di-vincenzo-darco sl372221

Incontri ravvicinati con uno strano tipo

Condividi questo articolo

By Sang’ ’i  Retunne
Attenzione. Caduta alieni

Gg – Tu ca sai quasi tutt’ cose, ma che significa “nativo”?
SR – Con questo termine si indica qualcuno che è originario di un luogo, dove è nato e dove vive.

Gg – Azz’! …allora aggie fatto ’nu ’uaio.
SR – A sì? Come al solito, non ne combini una giusta! Ch’è fatto ‘ta vota?

Gg – Uno m’ha chiesto: “Ehi tu, sei nativo del posto”? Ie ca nun tengo tiempo ’a perde, ci aggio rispuost’: “Nativo sarrai tu e chella scurnacchiata ’i sòrete e a quel posto t’u pigli tu. E’ chiaro”?
SR – ..E comme vulimm’ fa bbene ’ngopp’a ’stu scoglio cu ’st’ignoranza radicata? Nun tenimme speranza… Ce vulesse ’na rivoluzione d’i ccervelle. Ma a chi l’hai detta questa bella cosa?

Gg – Mò, ie steve pescann’ p’i fatt’ miei… Che ne saccio che ccà arriva gente strevs’ ’a tutte ’e parte, pure ’nda vernata.
SR – E cosa cambia tra estate ed inverno? L’educazione non ha stagioni, uno dovrebbe comportarsi sempre bene non solo a secondo da dove tira il vento o da chi ti porta i soldi. Mi dici cosa esattamente è accaduto?

Gg – Avevo attrezzato il mio campo da pesca: ott’ camaggie, quatt’ canne, ddoie rezzetell’, sei nass’, tre coff’ …e  ’u fucile…
SR – Eeeee, madonna mia! E che è ’stu sbarramento? …Ma che stai in guerra? Pure ’u fucile?

Gg – Io quando pesco, pesco… ma ‘u fucile serve, nun se sa mai:  quanda vote pass’ ’nu marevizze e nun tiene l’artiglieria? Pe’ mme è na traggedia, me mangi’i mmane a morze e quann’ vang’a casa m’a piglie cu’ Assuntina… Stamm’a senti’: ’u fucile serve, eccome!
SR – Vabbuò, e allora?

Gg – A ’nu ciert’ punt’ vdc  spunta’ all’orizzonte ’nu strano gommone fatto tutt’ ‘i copertune, cu’ ’na cabbina azzurra a poppa ed n’ata rossa a prora, comm’e chelle d’i cessi ’i plastica. ’Ngopp’a cabina  cinc’ antenne p’i ripetitori cellulari. Ogni tanto sunava c’u stesso fischio ’i ’nu treno. Facev’appaura!
SR – A sì? Una nave da battaglia. Portava bandiera? Di che nazionalità era?

Gg – Portava un gran pavese tutt’i bandiere svizzere… ’na meraviglia.
SR – E chi ti ha domandato se eri ‘un nativo’?

Gg – Un’ ’i buord’, cu’i papusci’ ’u pede e ’na sciarpa tricolore ’ngann’. M’ha chiesto: “Uee cafone ponzese, per caso avete bisogno di un padrone cantastorie”?
Ed io gli ho risposto: “Macchè, cca già simme tutte padrune e ’i storie già se ne cantano in abbondanza ogni iuorne”.

SR – ’I che risposta.

Gg – E isso: “Avete bisogno di mettere ordine”? E io: ”Macchè, nemmeno. Ccà c’e manca tutt’ cose, pure ’u disordine”.
SR – E che propaganda che fai. Arrass’sì ! E lui cos’ha risposto?

Gg – Non si è scomposto, anzi mi ha detto alzando un dito al cielo: “Ecco, allora avete bisogno di essere educati a non avere niente ed io posso fare molto per voi, razzaccia immonda di cafoni e creduloni, levandovi anche quel po’ che vi è rimasto”.
SR – Ma ti rendi conto che ti ha offeso?

Gg – A chi a mme? Quanto mai? …mica ha fatt’ ’u nomme mio. Anzi, io gli ho detto che se vuole stabilirsi qua si troverà bene: basta che non è dei Verdi, è ben accolto: nuie amàmm’ i f’rastiere, pecché nun so’ parienti d’u vicino ca ce stamm’ appeccecate.
SR – Ma ti sei fatto dire come si chiamava e da dove veniva?

Gg – M’ha ditto, ma mò nun m’arricorde buone: “ciento fichi, ciento banane, ciento chichierchie… ciento celle”….’na cosa ’i chesta.
Però te pozze dice comm’ere fatt’: tutt’o pelato, c’all’uocchie ’i pazz’, cu ’nu sigaro mmocca e puzzav’i rum.

Venerdì pesce

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.