Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a4-35 vb si l-06 m1-14 h-24

Natale, notte mistica

Condividi questo articolo

di Francesco  De Luca  (Franco)
Natale notte mistica

.

Si rinnova il miracolo della discesa di Gesù nei cuori degli uomini.

A Ponza, nel tempo che la guerra seminava odio e morte, il parroco don Luigi Dies, per rinvigorire gli animi dei ponzesi e mitigarne le sofferenze, avvicinandoli alla fede, scrisse questa canzone il cui testo evidenzia la condizione umana,  misera e indifesa ai colpi del tempo, ma forte di speranza  se si conforma all’attesa del Redentore, seppure nelle vesti di un piccolo Bimbo, in una scarna mangiatoia.

 

Natale, notte mistica,

Natale tutto amor

Un’ansia viva e trepida

Fiorisce in ogni cuor

Piccolo, piccolo

Si fa Gesù

Umile, misero

Scende quaggiù

 

In ciel festosi gli angeli

Diranno forte Osanna

A Betlem la Vergine

Dirà la ninna nanna

 

Natale notte gelida

Natale tutto amor

Di guerra un suon terribile

Echeggia in terra ancor

Piccolo, piccolo

Bambin Gesù

Posati, poniti

Tra noi quaggiù

 

Piangi mio cuore barbaro

Piangi per vero amor

Un Dio sul fieno a nascere

Non ti commuove ancor

Piccolo…

 

Questo canto appartiene alla tradizione  canora ponzese, ovvero, in  altre parole, si canta soltanto a Ponza.
Questa è la versione arrangiata da Nino Picicco e cantata da Antonio De Luca, Francesco De Luca, Nino Picicco.
Buon  Natale

Natale, notte mistica con coro.Mp3

 

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.