Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a2-7 l-14 gruppo-comunioni 23a 7 11

Le isole del mito. (10). Into the wild e altri luoghi estremi

Condividi questo articolo

di Sandro Russo

Into the Wild

.

Per gli altri articoli di questa serie digita  – Le isole del mito – nella finestra CERCA NEL SITO, sul Frontespizio

.

Si è spesso detto, del viaggio, che spesso esso comincia per luoghi fisici e si trasforma cammin facendo in un percorso nella memoria e dentro se stessi; e di come ‘isola’ e ‘mito’ fan presto a confondersi, nelle terre incerte dell’immaginario…

Proponiamo qui la sintesi di questi concetti in un libro, un film e un video che ce ne fanno percepire pienamente il senso.

Nelle terre estreme è un libro di Jon Krakauer pubblicato nel 1997 (titolo originale Into the wild) – tratto da una vicenda realmente accaduta – che racconta la vita di un giovane americano, Christopher McCandless, attraverso gli scritti del suo diario e dai racconti delle persone che lo conobbero durante il suo viaggio verso l’Alaska.

Emile Hirsch at the sea

Nel 1990 Christopher Johnson McCandless, appena dopo essersi laureato, intraprese un lungo viaggio, per staccarsi dalla famiglia e da una società di cui non condivideva le finalità e l’evoluzione. Donò tutti i suoi risparmi in beneficenza e viaggiò attraverso gli Stati Uniti in autostop e altri mezzi di fortuna, con l’intento di raggiungere le terre incontaminate dell’Alaska. Durante il suo viaggio incontrò diverse persone che lo arricchirono e a cui egli stesso cambiò la vita.
Nel 1992 fu trovato morto in un autobus abbandonato nel Parco Nazionale del Denali accanto al suo diario con annotati i suoi pensieri e i suoi appunti di viaggio.

Into the wild. Book

Nel 2007 l’attore e regista Sean Penn adattò per il cinema il romanzo, dirigendo Into the Wild – Nelle terre selvagge con protagonista Emile Hirsch nel ruolo di McCandless.

L’attore californiano Emile Hirsch, per la sua interpretazione ha vinto il premio del National Board of Review come migliore attore.
La colonna sonora del film è stata composta da Michael Brook, con canzoni di Eddie Vedder (dei Pearl Jam).

Il brano Guaranteed – Garantito – (versi e musica di Vedder) ha vinto il Golden Globe per la miglior canzone originale.
Sotto il video e il testo inglese è di nuovo riportato il testo con la traduzione a fronte (cliccare sull’immagine per ingrandire).

 

Guaranteed
On bended knee is no way to be free / lifting up an empty cup I ask silently /
that all my destinations will accept the one that’s me / so I can breathe
– Circles they grow and they swallow people whole / half their lives they say goodnight to wives they’ll never know /
got a mind full of questions and a teacher in my soul / so it goes…
– Don’t come closer or I’ll have to go / Holding me like gravity are places that pull /
If ever there was someone to keep me at home / It would be you… /
– Everyone I come across in cages they bought / they think of me and my wandering /
but I’m never what they thought / got my indignation but I’m pure
in all my thoughts I’m alive…
– Wind in my hair, / I feel part of everywhere
underneath my being is a road / that disappeared
late at night I hear the trees / they’re singing with the dead overhead…
– Leave it to me as I find a way to be, / consider me a satellite for ever orbiting
I knew all the rules but the rules did not know me / guaranteed…

 

Testo. Bis

Emile. Seagulls

 

[Le isole del mito. (10). Into the wild e altri luoghi estremi – Continua]

Condividi questo articolo

1 commento per Le isole del mito. (10). Into the wild e altri luoghi estremi

  • Lorenza Del Tosto

    Bello! Solo che grande tristezza di fondo in tutto il film!
    Perché la libertà deve accompagnarsi a tanta solitudine?
    Ecco, questo è il mio commento.
    A differenza di altri esploratori solitari, nell’avventura di questo ragazzo c’era un senso profondo di distruzione. Come se il viaggio verso l’ignoto nella nostra epoca invece dei connotati di vitalità e coraggio di altre epoche si contraddistingua come sfida e invito alla morte.
    O questi viaggi erano così anche in passato? E sono il tempo e la distanza a farceli vedere diversi?

Devi essere collegato per poter inserire un commento.