Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0054-054 h-24 l-05_0 l-a c-2-20 38

Storielle ponzesi in pillole. (15). Un’altra di Ciccill’i Maistà

Condividi questo articolo

di Michele Rispoli

Cartucce e pallini

 

Francesco De Luca, in arte Ciccillo ’i Maistà, calzolaio, era seduto al suo bancariello quando all’improvviso entra, tutto eccitato ed ansimante, Severino, nipote di Pataccone ’u faligname.
– Zi’ Cicci’, zi’ Cicci’… stammattina a caccia aggie sparato a ’na quaglia e se l’è mangiata ’a bbotta! (quando la preda è molto vicina e viene centrata, spesso viene disintegrata – NdA).
Ciccillo: – ’Uaglio’, tu devi mirare alla testa!
Finisce questo scambio, Severino va al lavoro.

Di fianco la bottega di Ciccillo c’era il negozio di Veruccio Conte (Veruccio domogàs) che oltre agli elettrodomestici e ai materiali elettrici, vendeva al dettaglio anche munizioni e cartucce da caccia.

A mezzogiorno, Severino lascia il lavoro per andare a pranzo,

Ciccillo lo sente arrivare e lo chiama: – ’Uaglio’,’uaglio’…
Severino sempre disponibile, accorre immediatamente.

Ciccillo: – ’Uaglio’, curre add’u zi’ Veruccio… ’a poche ha ricevuto ’i ccartucce c’a museruola!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.