Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0032-032 h-32 30-07-2005-19-29-18_0002 11 47 sl372236

I proverbi di Ponza (18)

Condividi questo articolo

dal libro di Ernesto Prudente

“A Pànje”

 

ME PARE L’AUCIÉLLE I SANTUNICÒLE
(mi sembra l’uccello di S. Nicola)
Per le sue condizioni fisiche non eccellenti un giorno è a letto e l’altro è in giro

ME PARE NA VÈCCHJE TUFANE
(sembra una vecchia brontolona)
Diretta a chi per abitudine brontolava. Il termine “tufane” deriva da “tofe”, tritone, buccina che per il suo suono veniva usata dai mari­nai come sirena

ME PARENE U DIA VULE É L’ACQUASANTE
(mi sembrano il diavolo e l’acquasanta)
Lo si dice per due persone che stanno sempre insieme ma che litigano continuamente. Mai che potesser trovare un accordo

ME PARENE U PURPE A MURÉNE É A RAV’OSTE
(sembrano il polipo, la murena e l’aragosta)
Si mangiano a vicenda e per questo stanno sempre in cagnesco

ME PARE U MUSCHEGLIÒNE
(mi sembra un moscone)
Lo si dice per quelle persone che, non avendo altro da fare, gironzo­lano per sapere i fatti altrui e poi pettegolare. E’ rivolto anche a quel giovane che sta sempre dietro ad una ragazza

ME PARE U PURPE É A RAVÒSTE
(mi sembrano il polipo e l’aragosta)
Litigano sempre. Sono nemici irriducibili. Non possono andare d’ac­cordo

ME PARE NU CANE SIGNORE
(mi sembra un cane signore)
Espressione che viene rivolta allo sfaticato che cura solo il suo modo di vestire. Rassomiglia tanto a quei cani da salotto che i signori por­tano in giro agghindati di tutto punto

ME PARE NU CÒTTERE I SPASSE
(mi sembra una barca da diporto)
E’ sempre pulito ed elegante

ME PARE NU MUÒRTE SCAVATE
(mi sembra un morto scavato)
E’ talmente magro e smunto che mette in mostra solo ossa

ME PARE NU PÉSCE FÒRE A LL’ACQUE
(mi sembra un pesce fuor d’acqua)
E’ spaesato, smarrito, turbato

ME PARE PASCALE PASSAUAJF
(mi sembra Pasquale passaguai)
Non gliene va una bene. Capitano tutte a lui

ME PARE RAFÈLE A LÒFFE: VA SEMPE ZINGHERIANNE
(mi sembra Raffaela la passegiatrice: va sempre gironzolando)
Diretta a una persona che non sta mai a casa

ME PARE SCICCHIGNACCHE INT’A BUTTIGLE
(mi sembra il diavoletto di Cartesio nella bottiglia)
Ha un comportamento da marionetta. Sembra un pupazzo

ME PARE U CHIANTE D’A MADALÈNE
(mi sembra il pianto della Maddalena)
Lo si dice quando si è davanti a persone in lacrime perché affrante da una grave sciagura

ME PARE U CIUCCE I FECHÉLLE: NUVANTANÒVE CHIAJE É A CÒDE FRACETE
(mi sembra l’asino di Fichella: novantanove piaghe e la coda fradicia)
E’ sempre ricco di malanni

ME PARE U CIUCCE MMIÉZE I SUÒNE
(mi sembra l’asino in mezzo ai suoni)
E’ talmente frastornato da non capire niente

MESE I VINTÒTTE É QUANNE FA NÒTTE
(mese di ventotto e quando fa notte)
Mese breve e giornata ancora più breve, questo è lo slogan dello scan­safatiche del fannullone

ME SÈNTE N’ATE TANTE
(mi sento il doppio)
E’ la risposta dell’ammalato in via di guarigione a chi gli chiede delle sue condizioni fisiche

MESURE A UÒCCHJE MASTE A CAPUÒCCHJE
(misura ad occhio mastro a casaccio)
Un mastro dev’essere fornito degli attrezzi necessari per il suo lavo­ro. Se non usa il metro nelle sue misurazioni significa che il lavoro sarà a casaccio

ME TÈNE NFRISCHE
(mi tiene a fresco)
Espressione usata in tante circostanze. Il giovane nei riguardi della ragazza. Colui che aspettava una cortesia. Chi attende un suo diritto ma si trovano sempre motivi per il rimando

MÉTTERE NA PEZZE A CULÒRE
(mettere una toppa adatta)
Intervenire per sistemare le cose in modo perfetto. Può essere anche detto per far notare che quello che è stato detto è soltanto una scusa

MÉTTERE U PÉPE NCULE A ZÒCCHELE
(mettere il pepe nel culo dei topo)
Aizzre, sobillare qualcuno, di per se già violento, per farlo intervenire

ME VO FA CRÉDERE CA PASCHE VÈNE I SABBETE
(mi vuoi far credere che Pasqua viene di sabato)
E’ una cosa talmente inaudita a cui non posso dare nessun credito

ME VÒTE A CAPE COMM’A N’ARIATÈLLE
(mi gira la testa come un arcolaio)
Viene detto sia per indicare un malanno e sia per additare una situa­zione ingarbugliata

MIÉTTE A PANZE SPASE U SÒLE
(metti la pancia al sole)
Se questo cibo non ti piace riempiti lo stomaco di sole. Era questa la risposta della mamma ai capricci del figlio a tavola

MO AGGE CACATE U FASCIATURE
(ora ho fatto la cacca nel pannolino)
Così rispondeva l’uomo maturo e ricco di esperienza a chi gli voleva far credere cose assurde

MO SÒ TUTTE ROSE É CIURE
(ora sono tutte rose e fiori)
Il periodo triste è passato, abbiamo superato il momento infausto

MPÒPPE PURE I VÒTTE CAMMINENE
(in poppa pure le botti navigano)
Con il vento e il mare favorevoli qualsiasi tipo di natante va bene a navigare. Le condizioni favorevoli permettono a chiunque di realizzare

MPARE LL’ARTE É MIÉTTELE DA PARTE
(impara l’arte e mettila da parte)
Apprendi ogni mestiere e mettilo da parte, non si sa mai cosa potrà accadere nella vita

MUNTAGNE É MUNTAGNE NUN SE SCÒNTENE MAJE
(monti e monti non i incontrano mai)
Lo si dice quando si chiede una cortesia e si ha un rifiuto. Forse un giorno la stessa persona avrà bisogno di te

N’AGGE TRUVATE NÉ PE DDJE, NÉ PI SANTE
(non ne ho trovato: né per Dio, né per i santi)
Ho fatto l’impossibile, ho finanché implorato ma non c’è stato nien­te da fare

NA MANE LAVE A LL’ATE É Tu’rrI É DÒJE LAVENE A FACCE
(una mano lava l’altra e tutte e due lavano la faccia)
E’ necessario nella vita aiutarsi reciprocamete

N’AMME PERDERE A SCUMME
(non dobbiamo perdere la schiuma)
Dobbiamo agire immediatamente oppure dare continuità immediata al lavoro che ci ha dato ottimi risultati

(continua)

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.