Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0010-010 i-31 l-14 de-vito-01 f-04 Idrozoi in grotta

A Ponza

Condividi questo articolo

di Franco De Luca 

E’ certamente particolare la vita a Ponza: uno scoglio in un mare che lo rende una nicchia naturale e antropologica.

Spiego: le distanze dal continente non si sono modificate da anni cosicché chi deve pagare lo scotto alla celerità tecnologica e organizzativa, l’ abbandona.

Rimane chi non è abbacinato dalla vivacità della società, chi non ha mezzi né possibilità lavorative per allontanarsene.

E’ una popolazione divisa nei suoi sentimenti eppur costretta a coesistere.

In questo dissidio sordo ciascuna parte attende che l’altra muova le sue pedine espressive.

La parte insoddisfatta lamenta le carenze strutturali e ne accentua le asperità: i trasporti sono inadeguati, la scuola è sgangherata, la vita amministrativa discorde.

La parte appaciata, al contrario, si riappropria del Corso, dirada le sue richieste di vita associativa, riscopre le pratiche religiose, i sapori di stagione.

I giovani ? Dovrebbero essere loro a fare da collante fra tutti questi fattori, perché i giovani sono il futuro, e il futuro va pianificato, va diretto. Altrimenti si vanifica. E invece ?

Invece i giovani nicchiano, si crogiolano nella tranquillità familiare e… il futuro sfuma, i contorni si sfanno, e si perde ogni progettualità.

La componente naturale allora sopravanza quella antropologica. Rabbuffa il mare di ponente e si attende la pioggia, saetta il tordo e segue una gragnuola di spari, Patalano staziona alle Formiche in cerca di “rutunne”.

“ So’ già fenute ?”

“ Sì… erano quatte cascette… surtante “ – risponde Gaetano u Iscaiuolo.

 Particolare davvero questa vita a Ponza.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.