Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0018-018 h-19 l-11 08 articolo2 scansione0003

Schizzi di salsedine da Ponza (8)

Condividi questo articolo

di Franco De Luca

 

Da Calacaparra agli Scotti, raggi tiepidi di sole risaltano “a chiana u cienzo”, evidenziano i Conti, toccano monte Guardia, e su tali declivi le case macchiettano di colore e segnano le strade. Tutte degradanti al Porto.

Freddo e in ombra come sempre in inverno Corso Pisacane.

Al di sotto di quel Municipio, che sarebbe dovuto essere il luogo che accomuna e che tale non è da tempo, operai mugugnano per il salario che non arriva, i pescatori sulla banchina armeggiano vicino agli scafi attraccati: chi rinforza le cime, chi scende reti da dismettere, chi con l’aiuto del fabbro picchetta tubi. Per strada le mamme si affrettano con a fianco i figli, reduci dalla recita scolastica, altre donne rispondono alla chiamata delle campane e tendono alla chiesa.

Ponza come un presepe: lucette sulle facciate delle case, fruttivendoli coi camioncini, pescherie con in mostra il pescato, e le persone come statuine. Ferme nell’animo e in attesa.

Si attende perché le volontà sono ancora sopite, nonostante la mannaia giudiziaria, e si guarda all’immediato piuttosto che al futuro, e ci si arrovella sul proprio separandolo da ciò che è comune.

Il Bambinello proverà a nascere anche qui, dove il sole a tutti regala il suo poco calore.

 

Francesco De Luca

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.