Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

u-28 k1-16a v7-20 p-06 ss24 Una delle volti delle camere delle grotte di Pilato

Schizzi di salsedine da Ponza (8)

Condividi questo articolo

di Franco De Luca

 

Da Calacaparra agli Scotti, raggi tiepidi di sole risaltano “a chiana u cienzo”, evidenziano i Conti, toccano monte Guardia, e su tali declivi le case macchiettano di colore e segnano le strade. Tutte degradanti al Porto.

Freddo e in ombra come sempre in inverno Corso Pisacane.

Al di sotto di quel Municipio, che sarebbe dovuto essere il luogo che accomuna e che tale non è da tempo, operai mugugnano per il salario che non arriva, i pescatori sulla banchina armeggiano vicino agli scafi attraccati: chi rinforza le cime, chi scende reti da dismettere, chi con l’aiuto del fabbro picchetta tubi. Per strada le mamme si affrettano con a fianco i figli, reduci dalla recita scolastica, altre donne rispondono alla chiamata delle campane e tendono alla chiesa.

Ponza come un presepe: lucette sulle facciate delle case, fruttivendoli coi camioncini, pescherie con in mostra il pescato, e le persone come statuine. Ferme nell’animo e in attesa.

Si attende perché le volontà sono ancora sopite, nonostante la mannaia giudiziaria, e si guarda all’immediato piuttosto che al futuro, e ci si arrovella sul proprio separandolo da ciò che è comune.

Il Bambinello proverà a nascere anche qui, dove il sole a tutti regala il suo poco calore.

 

Francesco De Luca

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.