Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-20 l-05_0 p-01 u-06 ss24 14

I proverbi di Ponza (7)

Condividi questo articolo

dal libro di Ernesto Prudente “A Pànje”

 

CHÈSTE SÒNGHE LL”ÒGNE MÈJE

(queste sono le mie unghie)

Questa è la mia capacità, la mia abilità, la mia attitudine. Questa è la mia forza

 

CHIACCHIERE É TABACCHÈRE I LÉGNE A BANCHE NUN I MPÉGNE

(chiacchiere e tabacchiere di legno il banco non li impegna) Ci vogliono fatti e sostanze altrimenti non c’è nulla da fare

 

CHI ACCIDE U PUÒRCHE STA BUONE N’ANNE É CHI SE NZÒRE OTTE JUÒRNE

(chi ammazza il maiale sta bene un anno e chi si sposa otto giorni) – Triste realtà della vita. L’uccisione del maiale soddisfa la famiglia per un anno. Il matrimonio, invece, rende felice soltanto per otto giorni perché dopo iniziano le realtà quotidiane che sono aspri combattimenti

 

CHIAGNE CA QUANNE T’AMMARITE RIRE

(piangi, tanto quando ti sposerai ridersi)

La mamma lo diceva alla figlia che per capriccio si metteva a piangere

 

CHIAGNE É FOTTE

(piange e fa l’amore)

Lo si dice a chi si lamenta nonostante che le sue cose vadano molto bene

 

CHIAGNE U CAZZE A CARNEVALE

(piange per il cazzo di carnevale)

Solito dirlo ai bimbi che piangevano per un nonnulla. Carnevale era un pupazzo

 

CHIAGNE U JUSTE P’U PECCAT’ORE

(piange il giusto per il peccatore)

Profezia del vangelo

 

CHI A NDUVINE È GALANTÒME

(chi l’indovina è galantuomo)

Negli imprevisti chi sbaglia è sciocco; chi indovina è sempre capace e abile

 

CHI ARRÒBBE TÈNE A RÒBBE É CHI FATICHE TÈNE A GOBBE

(chi ruba ha la roba e chi fatica tiene la gobba)

Il lavoro onesto darà come frutto soltanto lo sconquasso fisico, i sol­di li accumulano soltanto coloro che mostrano una parvenza di onestà

 

CHIAVETE A LÉNGUE NCULE

(mettiti la lingua nel culo)

Ogni tua parola è un disastro. Non parlare

 

CHI AVÈTTE FUÒCHE CAMPAJE É CHI AVÈTTE PANE MU­RE TTE

(chi  ebbe fuoco sopravvisse e chi ebbe pane morì)

Il fuoco, il calore, è più importante del pane

 

CHI À VIPPETE TÒRNE A VÉVERE

(chi ha bevuto torna a bere)

I casi strani della vita: piove sempre sul bagnato

 

CHI  À VUTE À VUTE É CHI À DATE À DATE

(chi ha avuto ha avuto e chi ha dato ha dato)

Come stanno le cose non c’è più nulla da fare

 

CHI AVUSTE NUN È VESTUTE VIÉRNE NCUÒLLE L’È TRASUTE

(chi non ha provveduto a vestirsi in agosto si troverà nudo d’inverno)

Bisogna essere previdenti. D’estate bisogna comprarsi i vestiti per l’inverno. Formica docet

 

CHI BBÒNE RAZZE  VÒ FA CU FIGLJE FÉMMENE ADDA CUM­MIENZÀ

( Chi vuole bene prolificare deve iniziare con le femmine)

Chi ha solo figli femmine tenta sempre per avere un maschio e così la  famiglia si ingrossa

 

CHI BÈLLE VÒ PARE PANE É UAJE ADDA PATÉ

(chi bella vuoi sembrare pane e guai deve soffrire)

Per essere sempre bella bisogna sottoporsi a gravi sacrifici

 

CHI CACHE É ANNETTE NUN È BREVÒGNE

(chi caca e pulisce non è vergogna)

Non bisogna mai vergognarsi di rimettere in ordine quelle cose, an­che umili, che per sbadataggine o per incuria avevi fatto in modo sba­gliato

 

CHI CHIAGNE TE FA CHIAGNERE

(chi piange ti fa piangere)

Anche per la pietà c’è un limite. La persona che tiri fuori dal fosso sarà quella che, dimenticandosi del passato, ti darà uno spintone per farti precipitare nel burrone

 

CHI CUMMANNE A TAVULE È U VINE

(chi comanda a tavola è il vino)

L’euforia e l’allegria della tavola dipendono dalla quantità di vino che viene consumata

 

CHI CUMMANNE FA LEGGE

(chi commanda fa legge)

Verità storica. Chi comanda fa il bello e il cattivo tempo

 

CHI DORME NU PECCHE MA MANCHE OPERE BBÒNE FA

(chi dorme non pecca ma non fa neanche opere buone)

Bisogna essere sempre sulle breccia e non aver paura di sbagliare per­ché errare è umano

 

CHI DORME NU PIGLE PESCE

(chi dorme non piglia pesci)

L’ozioso e il fannullone non hanno alcuna possibilità di guadagno. Solo le donne, quando sono a letto, hanno la possibilità di riempire la rete di pesci

 

CHI È DINTE È DINTE É CHI È FÒRE È FÒRE

(chi è dentro è dentro e chi è fuori è fuori)

Chi è presente ha diritto a partecipare. L’assente ha sempre torto

CHI È FESSE RÈSTE A CASE

(chi è fesso resti a casa)

La vita è una competizione. I partecipanti devono essere agguerriti. Chi è debole rimanga a casa perché per lui ci saranno solo umiliazioni

 

CHI È MCÒRTE É M’À LASCIATE DITTE

(Chi è morto e me lo ha lasciato detto)

Nessun testamento mi impone di fare quello che sto facendo. Questo impegno  in questo mio lavoro sono inutili

 

CHI È PRIMME MBARCHE

( Chi è primo imbarca)

Chi è presente partecipa. Il primo ha sempre il diritto alla scelta

 

CHI FA  BBÈNE A CARNE I LL’ATE A SÒJE S’A MANGENE I CANE

(Chi fa bene alla carne degli altri la sua se la mangiano i cani)

Prima il dente e poi il parente. La vita è una gara ad eliminazione

 

CHI FATICHE ASPÈTTE PRÈMJE

(Chi lavora aspetta premio)

Ma molto spesso l’attesa è vana perché la riconoscenza e la gratitudi­le sono  termini astratti

 

CHI FATICHE  MAGNE É CHI NU FATICHE MAGNE É BEVE

(Chi lavora mangia e chi non lavora mangia e beve)

Chi lavvora onestamente riesce soltanto a guadagnare il necessario per vivere. Chi,  invece, è senza scrupoli si arricchisce facilmente anche senza lavorare. Ci vorrebbe una indagine attenta sui tantissimi che “mangiano e bevono”

 

CHI FRAVECHE É SFRAVECHE NU PERDE MAJE TIÉMPE

(Chi fa e disfà non perde mai tempo)

Ha  sempre qualcosa da fare. Penelope insegna

 

CRI FILE ASSÉCCHE É CHI CUCINE ALLÉCCHE

(Chi fila inaridisce e chi cucina lecca)

vita bisogna saper scegliere l’occupazione per vivere

 

CHI I  SPERANZE CAMPE DESPERATE MORE

(Chi di speranze vive disperato muore)

La vita è praticità. Bisogna stare sempre con i piedi per terra. Chi nu­tre fiducia che si realizzi qualcosa senza operare rimane deluso

 

CHI LASSE A VJE VÉCCHJE P’A NOVE SAPE CHÉLLE CHE LASSE MA NU SAPE CHÉLLE CHE TRÒVE

(chi lascia la via vecchia per la nuova sa cosa lascia ma non sa cosa trova)

Proverbio dalla cittadinanza mondiale

 

CHILLE À FATTE I FURCHÈTTE PE NU MANGIA CU I MANE

(quello ha fatto le forchette per non mangiare con le mani)

Si usa dirlo per coloro che affidano la conduzione della propria atti­vità ai figli i quali lo esonerano dal lavoro

 

CHILLE CULE CA NUN À VISTE MAJE VRACHE QUANNE A VEDE TUTTE SE CACHE

(quel culo che non ha visto mai mutande quando se la vede se la  fa sotto)

Chi non ha avuto mai niente quando ha qualcosa si monta la testa. Espressione che si può adattare benissimo a diverse circostanze

 

CHILLE NU FA BENE A PUÒRCHE

(quello non fa bene a maiali)

Ai maiali si danno i rifiuti. Quanti personaggi meriterebbero di essere apostrofati con questo proverbio!

 

CHI MAGNE É BÉVE CAMPE FELICE

(chi mangia e beve campa felice)

I piaceri materiali rendono soddisfatto e contento l’uomo dato che la felicità è un termine astratto

 

CHI NASCE BELLE NU NASCE PUVERÈLLE

(chi nasce bella non nasce povera)

La bellezza è una dote sostanziosa

 

CHI NASCE BELLE TÈNE A CIÒRTE SOTTO A VUNNÈLLE

(chi nasce bella ha la fortuna sotto la sottana)

Chi è bella possiede un patrimonio su cui molti pongono lo sguardo

CHI NASCE QUADRE TUNNE MAJE NU MORE, CHI NASCE CHIAVECHE NU PO’ MURI SIGNORE

(chi nasce quadrato non può morire rotondo, chi nasce mascalzone non può morire signore)

Proverbio usato per additare coloro il cui comportamento è sempre squallido

 

Continua

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.