Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

e-11 v4-4 25 77 8 sl372267

Dialetto scritto e parlato

di Francesco De Luca
Botero. Il Notaio

 

Gioia e dolore per i cultori. Cambia forma e accento, il dialetto è come ’u capitone, sguscia dalle mani quando meno te lo aspetti.

Propongo questi interrogativi. Si scrive e si dice:

pastrocchia o pastocchia   ?

overamente o averamente ?

miereco o mereco ?

peccerella o piccerella ?

sparece o sparege ?

vugliuse o vuliuse ?

Dalle vostre risposte si capirà qual è la versione più usata.

 

Immagine di copertina: Il notaio, di Fernando Botero

4 commenti per Dialetto scritto e parlato

  • Caro Franco, ti indico come le pronuncio io:
    pastocchia;
    averamente;
    miereco;
    peccerillo (maschio) piccerella (femmina)
    sparece
    vuliuse
    …e speriamo che non si scateni qualche altra guerra intestina.

    • susy scarpati

      Buon anno a tutti! Io addirittura alcune le dico in modo completamente diverso… Tutto il mio gruppo familiare da parte di madre… pastocchia, averamente, mercede, peccerelle, spalece, vuliuse… ‘U mereche, ‘u spalece… Diversi.

  • Luisa Guarino

    Ed ecco la mia versione delle sei parole indicate:
    pastocchia
    overamente
    miereco
    piccerella
    sparece
    vuliuse.
    Caro Franco, aspettiamo altri contributi: poi conti di fare una statistica?

  • Rosanna Conte

    Aggiungo anche la mia:
    pastocchia
    averamente
    mèreche
    piccerillo – piccerella
    spalece
    vuliuse

Devi essere collegato per poter inserire un commento.