Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0002-002 u-12 53 97 sl372210 Latterini in controluce

‘I ‘sti tiempe

di Francesco De Luca

 

‘I ‘sti tiempe

 

‘Stu tiempo fa ‘u pazzo:

mo  ‘a calmaria

fa frjie ll’ove a ‘u sole

e mo ‘u levante

ogne matina scassa ‘u cazzo.

Cca  ‘a staggiona dura poche mise

e si nun faticammo a schiatta’

‘stu vierno rimmanimmo comme piennule appise.

Mittece pure ch’ a semmana

se riduce a tre gghiuorne…

cca ‘u turismo è ‘nu penziero

ca ce leva ‘u suonno.

Ce sta chi ind’ a chiesa

prega san Sirverio,

chi fa ‘u diuno

e perfino astinenza ogni sera.

Chesta nn’ è cosa bbona…

cca s’ aizza ‘a pressione!

Bar, pizzerie, hotel, ristorante

guardeno  ‘i previsione

e pigliano  ‘a pillola p’ a diggestione.

Tassiste, barcaiuole, affittacammere

se teneno pronte cu’ ll’ acqua santa.

Ce sta uno ca ind’ a st’ iuorne

va  a’ Madonna  ‘a Civita

scauso, diuno e bevenno  acite,

e n’ ato ha prummiso: “si ‘u tiempo fa ‘a parte soia

nun bevarraggio  cchiù  vino fino a ca more”.

Tatonno  ‘i  Semescotte, ca steve presente,

s’ è signato: “Sant’ Aniello sequenzia

ca brutta morte!

All’ atu munno

senza nemmeno ‘na goccia ‘i vino ‘ncuorpo”!

***

Di seguito la versione recitata

 

Devi essere collegato per poter inserire un commento.