Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

v8-7a ponza-cala-feola-sottocampo-maria-avellino-moglie-di-emiliano-sandolo-e-nonna-di-raffaele-sandolo-1952 2397452039_b8d69ab53d veduta-1 ass-gabriella-sentinelli sl372208

’A Cannelora

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

La Candelora cade il 2 febbraio. La Chiesa festeggia la presentazione di Gesù al tempio. Gesù: luce del mondo. In chiesa si lasciava ai fedeli una candela benedetta. Si accendeva quando infuriavano le tempeste di acqua, di vento e di mare. Aiutava a sopportare il disturbo interiore che stringeva il petto. La luce di quella candela dava sollievo.

Nel libro di nonno Scartiello (già conosciuto dai lettori) ho trovato questi versi. Adatti alla stagione che stiamo vivendo.

’A fiammella d’a cannelora
è miccia miccia.
C’u maletiempo ca mena
’u core c’a mente se ’mpiccia.
Mo’ passe… mo’ passe ’stu turmiento…
lampe e truone
e ’u mare attuorno
p’u rummore leva ’u suonno.
Aneme d’u Priatorie
facitece grazzie…
purtatece fore ’a ’stu vierno
mo’ ca passa ’a cannelora.

Questa la versione recitata:

Condividi questo articolo

1 commento per ’A Cannelora

  • Luisa Guarino

    Sabato 2 febbraio, giorno della Candelora, mi aveva sfiorato l’idea di ricordare l’antico proverbio “… dell’inverno siamo fora, ma se piove o tira vento… “. Senonché la giornata era proprio brutta, e senza speranza dal mio punto di vista. Però il giorno seguente, domenica 3 febbraio, ho pensato che era San Biagio (San Biase) “‘O sole pp’i ccase” si diceva a Ponza. Mi pare che un po’ di sole in quella giornata si sia affacciato tra le nuvole: e io sono un’irriducibile ottimista! Mi viene in mente a proposito una canzone poco conosciuta di Domenico Modugno che fa suppergiù: “Sole, sole, sole, sole trase… trase pp’i case: ogni cosa cchiù pulita se fa… “. E in questo inizio di febbraio il sole sul suo carro ci sta gratificando, duri quel che duri.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.