Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

vdp-02 lamonica-01 ss07 costa Forme multicolore di spugne incrostanti Myriapora truncata

“Ventotene: una comunità per decreto”. Un bel libro

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

 

Ho letto con interesse il libro di Filomena Gargiulo (Ventotene una comunità per decreto – Ultima Spiaggia – 2017) e l’ho trovato ottimo. Perché scritto bene, e soprattutto illuminante per conoscere la storia dell’isola ‘sorella’ a Ponza e dei Ventotenesi ‘fratelli’ ai Ponzesi.

Fino a settantadue anni ho letto delle vicende di Ventotene in libri che trattavano dell’intero arcipelago ponziano, mentre questo libro è interamente ristretto a Ventotene. Le isole dell’arcipelago sono menzionate a corredo ma ciò di cui si parla è la vicenda di Ventotene dalla colonizzazione borbonica.

Il titolo già mi ha catturato perché anche la mia poca conoscenza storica mi ha portato a concludere come la gente delle nostre isole  (Ventotene e Ponza) sia stata costretta a costruirsi un identità culturale in quanto costituita da famiglie provenienti da luoghi diversi, con storie diverse alle spalle. Le univa la miseria della condizione e l’aspirazione a migliorare.

La mia non è una recensione perché troppo influenzato a trovare confluenze e/o discrepanze fra le storie delle due isole. Ed è con questa visione che ho letto e introiettato il contenuto. Meritevole secondo me perché mostra come la vita sulle nostre isole sia stata davvero dura. Doppiamente. Vuoi perché il territorio e il mare dovettero essere sottomessi alla caparbia volontà degli isolani di sopravvivere, vuoi perché la gente che scelse di campare nelle ristrettezze dei confini isolani dovette subire la coabitazione con una popolazione di guardie, di malfattori, di amministratori, tutti a succhiare linfa vitale da chi lavorava la terra e predava il mare. Isole come carceri. Per tutti coloro che ne calpestavano il suolo.

E’ evidente il coinvolgimento ideale della Gargiulo ed è netta la sua scelta sociale. Al sudore della fatica dei Ventotenesi si è sempre contrapposto (come a Ponza) la corruzione e il ricatto dei funzionari statali. I Borbone, ad onor del vero, tennero una considerazione speciale per lo stato ‘soggetto’ degli isolani e ne accoglievano le richieste di aiuto e di sussidio, ossessive e snervanti. Stessa considerazione non ha avuto lo Stato unitario (monarchia, fascismo e repubblica). E la Gargiulo mi appare sulla stessa linea se nell’ultimo capitolo, nell’ Epilogo, distoglie lo sguardo dagli isolani e si affoga nella natura dell’isola.

Se verace è la cattura dell’animo da parte del territorio isolano altrettanto vivo deve essere l’impegno a che queste terre (insieme a Ponza), gettate nel mare a mostrare il brillore, siano vissute con rispetto e trasporto.

Non posso chiudere questa nota senza ricordare a Filomena Gargiulo, conosciuta in campo professionale, la stima che allora nacque e che tuttora nutro.

Condividi questo articolo

1 commento per “Ventotene: una comunità per decreto”. Un bel libro

  • Centro Studi e Documentazione Isole Ponziane

    Alla nascita della comunità di Ventotene la recente mostra foto-documentaria “Ponza nel 1700”, che proprio ieri ha chiuso i battenti, ha dedicato un pannello. Si è fatto per mettere in evidenza la linearità della colonizzazione dell’isola, avvenuta in tempi brevissimi, rispetto agli anni e alle vicissitudini che hanno caratterizzato invece quella di Ponza. Ventotene in effetti beneficiò di un apposito bando di colonizzazione, emanato dal re Ferdinando IV il 30 luglio 1771, e i relativi coloni, a differenza di quelli di Ponza, poterono firmare subito i loro contratti di enfiteusi. Esemplificativo al riguardo un documento riportante l’atto di Gennaro Vitelli di Torre del Greco del 18 ottobre 1772. Vi è da dire, però, che la natura di Ventotene essenzialmente pianeggiante aveva reso più semplice la censuazione dei terreni che fu accettata senza i malumori e le contestazioni che ci furono a Ponza.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.