Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0010-010 u-05 v8-6a l-14 30-07-2005-19-31-11_0003 ponza-cala-feola-sottocampo-raffaele-sandolo-con-la-nonna-avellino-maria-moglie-di-emiliano-sandolo-1955

La festa è finita

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, e che è ’sta faccia disgustata e depressa? Che ti succede?
Giggino – Sarrann’ pure cazz’ d’i mieie… o no?

SR – E mamma mia, con te non ci si può proprio più parlare. Stai sempre armato!
Gg – Io accapisco pene i tuoi parlamienti, so’ tutti a “fottacumpagne”.

SR – Ma no, ma no… sei tu che ti senti sempre assediato. Smobilitati, la guerra non c’è.
Gg – Io nu stongh’ sempe assettato e i mobbili nun c’entrano. È chiaro?

SR – Altroché! Chiarissimo. Ma dimmi… perché stai incazzato?
Gg – A te t’è piaciuta ’a festa? Mo’ dimme ’a verità.

SR – Sempre coinvolgente, piena di colori, di emozioni, di affetti. Forse con qualche pizzico in meno di fede. Ma quella sta nei cuori, non sempre è percepibile.
Gg – Lascia sta’ i ccose d’i prievete e d’i bezzoche addò stanne, e parlamm’ ’i cose serie.

SR – Che intendi? Quale per esempio?
Gg – Ma a te te pare iuste che pe’ te mangia’ ’na fetente ’i sasiccia nun ce steve ’na tavula libbera? Dimm’a mme. Che schifezza è chesta?

SR – Caspita! …questo sì che è un problema. Una disgrazia!
Gg – Une aspetta dudece mise pe’ se gude’ ’na festa e chisticcà che fanne? E mo’ manca ’a purchette, mo’ manca ’a seggia, mo’ manca ’u vine, mo manca ’u becchiere… e che cazze!

SR – Giggi’, scusa, non per essere polemico, ma per te la festa consiste solo nella porchetta e nelle salsicce?
Gg – E che me faie accussì ’gnurante?? Pe’ chi m’he pigliate?

SR – Infatti! Volevo ben dire. Allora dimmi.
Gg – A te te pare iuste che ’a matina hanne sparate sule quinnece minute ’i “tiana”?

SR – Poca? E quando doveva durare secondo te?
Gg – Come minimo tre quarte d’ora. Uno almeno tene ’u tiempe ’i se sosse, ’i se lava’ a faccia, ‘i se fa ’nu surs’i cafè e ’i s’affaccia’ ’u barcone. E che cazze..! chiste manco te dann’u tiempe ’i te sceta’ e già furnesce tutte cose.

SR – Ah ecco, una sparatoria mattutina prolungata fa iniziare meglio la festa.
Gg – E ciertamente: ’a ’uerra è ’uerra! E po’…

SR – E po’?
Gg – Te pare cosa ’i spara’ tutte chille botte pe’ San Luigi? Sarà pure ’u nomme mie, ma a me che me ne fotte? I’ aggie misse i sorde p’u sante nuoste no pe’ chill’i ’llate. È chiaro? Addimane mi faccie turna’ i sorde e basta!

SR – Ma dai… c’è stato solo un po’ di ritardo oltre la mezzanotte, San Luigi non c’entra.
Gg – Pecchesse chist’anno ’a festa nun m’è piaciuta. E’ chiaro?

SR – Giggi’, ma la vera festa è un’altra, sta in un’altra dimensione, è quella dello spirito, quella dell’anima. È quella della fede. A proposito, non ti ho visto dietro la processione. Dove stavi?
Gg – Nun ce so’ gghiute… ma aggie mannato Assuntina… chella po’ sape cunta’ accussì buone..! Ie teneve ’a che ffa’ ’ndu ciardine.

Devi essere collegato per poter inserire un commento.