Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

p-02 u-14 isi-04 k2-25 51 Una colonia di Cladocora caespitosa

La festa è finita

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Sang’ ’i Retunne – Giggi’, e che è ’sta faccia disgustata e depressa? Che ti succede?
Giggino – Sarrann’ pure cazz’ d’i mieie… o no?

SR – E mamma mia, con te non ci si può proprio più parlare. Stai sempre armato!
Gg – Io accapisco pene i tuoi parlamienti, so’ tutti a “fottacumpagne”.

SR – Ma no, ma no… sei tu che ti senti sempre assediato. Smobilitati, la guerra non c’è.
Gg – Io nu stongh’ sempe assettato e i mobbili nun c’entrano. È chiaro?

SR – Altroché! Chiarissimo. Ma dimmi… perché stai incazzato?
Gg – A te t’è piaciuta ’a festa? Mo’ dimme ’a verità.

SR – Sempre coinvolgente, piena di colori, di emozioni, di affetti. Forse con qualche pizzico in meno di fede. Ma quella sta nei cuori, non sempre è percepibile.
Gg – Lascia sta’ i ccose d’i prievete e d’i bezzoche addò stanne, e parlamm’ ’i cose serie.

SR – Che intendi? Quale per esempio?
Gg – Ma a te te pare iuste che pe’ te mangia’ ’na fetente ’i sasiccia nun ce steve ’na tavula libbera? Dimm’a mme. Che schifezza è chesta?

SR – Caspita! …questo sì che è un problema. Una disgrazia!
Gg – Une aspetta dudece mise pe’ se gude’ ’na festa e chisticcà che fanne? E mo’ manca ’a purchette, mo’ manca ’a seggia, mo’ manca ’u vine, mo manca ’u becchiere… e che cazze!

SR – Giggi’, scusa, non per essere polemico, ma per te la festa consiste solo nella porchetta e nelle salsicce?
Gg – E che me faie accussì ’gnurante?? Pe’ chi m’he pigliate?

SR – Infatti! Volevo ben dire. Allora dimmi.
Gg – A te te pare iuste che ’a matina hanne sparate sule quinnece minute ’i “tiana”?

SR – Poca? E quando doveva durare secondo te?
Gg – Come minimo tre quarte d’ora. Uno almeno tene ’u tiempe ’i se sosse, ’i se lava’ a faccia, ‘i se fa ’nu surs’i cafè e ’i s’affaccia’ ’u barcone. E che cazze..! chiste manco te dann’u tiempe ’i te sceta’ e già furnesce tutte cose.

SR – Ah ecco, una sparatoria mattutina prolungata fa iniziare meglio la festa.
Gg – E ciertamente: ’a ’uerra è ’uerra! E po’…

SR – E po’?
Gg – Te pare cosa ’i spara’ tutte chille botte pe’ San Luigi? Sarà pure ’u nomme mie, ma a me che me ne fotte? I’ aggie misse i sorde p’u sante nuoste no pe’ chill’i ’llate. È chiaro? Addimane mi faccie turna’ i sorde e basta!

SR – Ma dai… c’è stato solo un po’ di ritardo oltre la mezzanotte, San Luigi non c’entra.
Gg – Pecchesse chist’anno ’a festa nun m’è piaciuta. E’ chiaro?

SR – Giggi’, ma la vera festa è un’altra, sta in un’altra dimensione, è quella dello spirito, quella dell’anima. È quella della fede. A proposito, non ti ho visto dietro la processione. Dove stavi?
Gg – Nun ce so’ gghiute… ma aggie mannato Assuntina… chella po’ sape cunta’ accussì buone..! Ie teneve ’a che ffa’ ’ndu ciardine.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.