Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-27 l-02 f8-18a nip scotti-e-bis 5

La poltrona del dialetto (31). Schezzecheie

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Schezzecheie

 

Manco te n’accuorge…

cammine, traffeche, te muove

e chelle guccetelle se ’nfileno ind’i spalle,

’ncopp’u giaccone,

dint’u cazone.

Te truove bagnate senza sape’ comme,

e ’a capa è anfosa

e siente ll’ummede

dall’acqua sperciata.

Schezzecheie…

mannaggia ’a miseria…

Meglio ’na gruppata d’acqua vera

almeno te repare.

Accussì te truove raffreddato

senza colpa!

“Arreparete… sta schezzechianne

– allucca ’a mamma a ’u uaglione –

nun piglia’ ll’acqua ’ncapa

ca te ’nfracede i purmune ”.

Questa la versione recitata:

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.