Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

mm-01 s1-22 16 55 pescatori-spiaggia Cunicoli semisommersi nei pressi delle cosiddette grotte di Pilato

Mannaggia ’u scoglie russe

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Tu che saie quasi tutte cose, ccà quando so’ venute ‘i russi?
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, secondo me qua i russi non ci sono mai stati.

Gg – See see… nun ce so’ mai stati! O nun sai i ccose comme stanno, oppure fai ’u sceme pe’ nun ghi’ a’ ’uerra. ’U ’uaie è che stai semp’a difende l’amice tuoie rosso-verdi. Chest’ è ’a verità.
SR – Mamma mia Giggi’, cu’ ’sta storia degli amici miei! Ma a te che te ne fotte dei russi?

Gg – Che me ne fotte? Cca si rischia ’na quistione ’nternazzionale, ’na ’uerra… ed io nun voglio responsabilità. E’ chiaro?
SR – Addirittura! Ma qual è il problema? …famm’accapi’!

Gg – ’U problema è ’u Scoglie Russe.
SR – Ma dai, Giggi’! Chillu Scoglio è Russe per il colore. I russi con lo scoglio non c’entrano. Hai capito?

Gg – See..! Poi succede ’nu macello e nuie ce iamme pe’ miezz’. I’ vogli’esse assicuro.
Gg – Ma che macello deve succedere? Fammi capire che state architettando. Voi siete pericolosi.

Gg – Avimme deciso ’i scassa’ ’u Scoglie Russe. Distruggerlo completamente. Cancellarlo ’a coppa ’a faccia d’u pappamondo. Ma tenimme paura ’i Putinne ’u russe… l’amico tuo.
SR – Uggesù! E perché? A chi dà fastidio quello scoglio? Forse alla navigazione?

Gg – Chillu scoglie è ’na maledizione! …porta scarogna! Pure ’u nomm’è ’na disgrazzia. S’adda luva’ ’a miezze. Punto e basta. Diciancelle tu, all’amico tuo!
SR –  Ma che maledizione? Io non so nulla.

Gg – ’A iastemma  “HE SBUCCA’ ’U SCOGLIE RUSSE ” se dice sì o no?
SR – Sì! E allora?

Gg – E allora? Chelle accussì è succiesse. ’Sta massa ’i cafune, scazzelluse e strunze hanno fatto sbucca’ d’u Scoglie Russe ’u meglio Sceriffo ’ngazzuse e cacacazze ch’avimme maie avuto. Te pare poco?
SR – Questione di punti di vista. E allora?

Gg –Però ’a quann’è partuto ’u Sceriffo cca è calma piatta. Stanne avvelute tuttu quante. Nisciune chiù s’appreoccupa, nisciune chiù s’appicceca, niente chiù minacce, niente chiù rum, niente chiù munnezza. Accussì nun va! No, nooo! Troppa calma. Cca dormene tuttu quante. Ma propie tutte tutte tutte… E nun va bbuone!
SR – Effettivamente. Ma che c’entra lo Scoglio Rosso?

Gg – C’entra c’entra! Chillu scoglie è na iastemma menata! Si nuie nunn’u luvamm’a miezze, ’u Sceriffo veramente nun torne chiù e ie a ’sti condizzione nun ce stongh’ propie, vangh’ in depressionamento. Me romp’u cazze. È chiaro? 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.