Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0001-001 a4-36 t5-19 99a paesino-2 sl372208

I limoni di Ischia. La caprese al limone

Condividi questo articolo

segnalato dalla Redazione

.

Ma i limoni di Ponza non sono da meno. Nel clima dell’isola il loro peggior nemico è il vento; infatti la sapienza contadina da sempre ha cercato di metterli al riparo in luoghi protetti, fosse anche da uno sperone di roccia; alla peggio con una barriera di cannucciato o con altri mezzi di protezione…

 

I limoni di Ischia sono un mix di profumi mediterranei, frutti della terra vulcanica e della mite brezza di mare, un  dono per il gusto e per la pelle sull’isola del benessere per antonomasia.

A pochi giorni dall’inizio ufficiale della primavera, sull’isola di Ischia sono protagonisti i suoi limoni, a pochi passi dalle bellissime acque cristalline e dalle terme più famose d’Italia.
Protagonisti, le acque e i fanghi benefici di Ischia che incontrano le essenze mediterranee. Fra gli usi nostrani più comuni, il peeling al sale, olio e limoni freschi, colti al momento, per lisciare e ammorbidire la pelle. Se venite ad Ischia, il primo passo è senza dubbio un bagno turco in una grotta termale naturale, ce ne sono tante sull’isola. Il sale marino è utilizzato per l’alta capacità esfoliante come ingrediente principale del bio-esfoliante per il corpo, a cui associamo, frizioni e massaggi realizzati con i limoni del giardino. Il risultato sarà una pelle pulita e levigata. L’essenza del limone possiede proprietà schiarenti, promuove la formazione di nuove cellule dell’epidermide, combatte i processi d’invecchiamento cellulare, favorendo, al contempo, la cicatrizzazione. Per questo motivo è particolarmente indicato per le pelli che presentano macchie solari o di vecchiaia, rughe e smagliature. Inoltre è un ottimo rinforzante per le unghie deboli o sottili. Ma è molto utile anche per le sue proprietà antinfiammatorie, l’agrume è dotato di proprietà che tonificano e rafforzano i tessuti, pertanto è perfetto per la cura della cellulite.

In pasticceria, raggiunge la sua massima espressione di gusto e fragranza, lo consigliamo nella caprese al limone, unica sull’isola d’Ischia!

In condivisione con Ischia News & Eventi, marzo 2018

Caprese al limone
da “Le ricette di Giallo Zafferano
La caprese al limone è una variante altrettanto squisita della classica caprese al cioccolato. Di questa ricetta mantiene alcuni ingredienti base come le mandorle, le uova e il burro, arricchito dalla dolcezza del cioccolato bianco, che contrasta il profumo e l’aroma acidulo dei limoni.
L’aggiunta del limoncello poi, esalta ancora di più il sapore deciso ed intenso di questo dolce, che potrete servire con una generosa spolverizzata di zucchero a velo o accompagnato da gelato.

Ingredienti
Fecola di patate 50 g
Mandorle pelate 200 g
Cioccolato bianco 200 g
Burro fuso 150 g
Uova medie 5
Zucchero 150 g
Aroma al limone 1 fialetta 2 ml
Scorza di limone 3
Limoncello 25 g
Succo di 1 limone
Lievito in polvere per dolci (16 grammi) 1 bustina

Procedimento
Per preparare la caprese al limone, iniziate tritando finemente il cioccolato bianco. Dopodiché in un mixer ponete le mandorle pelate e 100 gr di zucchero: frullate  fino a ridurre tutto in polvere e trasferite la farina ottenuta in una ciotola capiente; unite il cioccolato bianco tritato, la scorza grattugiata dei 3 limoni e infine la fecola di patate e il lievito in polvere. Mescolate il tutto con un cucchiaio di legno. Poi fondete il burro e unitelo agli altri ingredienti, aggiungete il succo di limone e il limoncello; per ultimo versate la fialetta di aroma di limone. Amalgamate tutti gli ingredienti con un cucchiaio di legno.
Quindi mettete in una planetaria le uova a temperatura ambiente assieme all’altra metà dello zucchero e montatele (potete usare uno sbattitore elettrico con le fruste in alternativa) per 10-15 minuti, fino ad ottenere una crema gonfia (almeno 3 volte il volume iniziale), liscia e chiara, che aggiungerete delicatamente agli ingredienti nella ciotola. Amalgamate con una spatola, compiendo dei movimenti circolari dal basso verso l’alto.
Versate il composto ottenuto in uno stampo foderato con carta da forno del diametro di 22- 24 cm, disponendolo nella teglia in modo uniforme.

Cuocete in forno preriscaldato a 170° (statico) per circa 50-60 minuti. Se nella prima mezz’ora di cottura la superficie della torta dovesse diventare troppo scura, copritela con un foglio di alluminio e proseguite la cottura, ricordandovi di non aprite il forno prima di mezz’ora. Una volta cotta (verificate pungendo la torta con uno stuzzicadenti che dovrà risultare asciutto), sfornate la torta, lasciatela raffreddare su una gratella. Trasferitela su di un piatto da portata e spolverizzatela con zucchero a velo.

N.B. – E’ sempre necessario consultare il prontuario Associazione Italiana Celiachia e leggere attentamente gli ingredienti, per assicurarsi che non contengano contaminazioni da glutine

Conservazione
Potete conservare la caprese al limone per 5-6 giorni coperta sotto una campana di vetro.

Consiglio
Al posto del limoncello potete utilizzare la stessa dose di crema di limoncello.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.