Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

i-04 i-05 s1-23 valiante-giuseppe lamonica-02 11

Corna e bicorne

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Zi’ Michele – Giggi’, qua si sta perdendo ogni misura. Cca ognuno fa ’a repubblica soia. Ognuno pensa per sé!
Giggino – E a me m’u dice? I’ songh’ ’na vittima.

ZM – Chi..? Tu? Vatte’ cammi’! Tu si’ ’u peggio. Vutt’ ’a preta e nascunn’ ’a mane. Ficchi in silenzio.
Gg – Io? Pover’a mme! E ch’avesse fatte?

ZM – E dimandancell’ a Assuntina. Chelle te sape buone quante si’ peducchiuse!
Gg – Mugliereme nun fa testo… È ’a peggia nemica mia!

ZM – See see, facìte comme i mariuole: ’i iuorne litigate e ’a notte arrubbate ’nzieme.
Gg – Zi’ Miche’, diceme a mme… qual è ’u probblema?

ZM – Si’ gghiute a truva’ i maruzze, e me n’avisse purtata una… Dico io, una sola..! Mittete scuorne!
Gg – Ma n’aggie fatte doie doie… Che te deve… ’a fame?

ZM – Poche?  M’hanno ditto ch’he fatte ’na strage. Ate che poche!
Gg – Ah sì?! Allora faccimme i cunte: quatte a Francisco; quatte a Giuvanne; quatte a Pascale; quatte a Retunnielle e una abbondante ’u prevete. E so’ fernut’i maruzze!

ZM – Bell’arrobba. M’he fatte arrimmane’ ’a maruzza cca! Cheste m’ammerito io dopo tutte chelle ch’aggia fatto pe’ tiche. Tutt’i testimonianze ’ndi cause… È ’u ringraziamento.
Gg – Zi’ Miche’, ie nun ci’aggie penzate propiete… Facimme accussì… a’ prossima vota t’i porte tutt’a tte. Va bbuo’?

ZM – See… ’a prossima vota. Chille nun ci’he lasciate chiu niente. He luvàte ’a razza. He sazziato a miezzo munn’!
Gg – Ma a te, chi t’i dice ’sti ccose?

ZM – Cca se dice che tu cu’i maruzze te stai facenn’i sorde.
Gg – Cu’i maruzze?

ZM – E certamente. Cu’i maruzze. O meglio, ch’i corne d’i maruzze… Bruttu fetente ingordo che non sei altro!
Gg – Ma guarda tu ’a ggente cumm’è addeventata stronza. Vedono sorde pe’ tutte parte. Pure ’ndi corne d’i maruzze?

ZM – Uaglio’, ccà nesciune è fesso! Secondo te, nun m’aspettasse pure a me ’na maruzza bionda slavata..? Sì o no?? Perciò puortamella, ca sinnò t’asbrevogne cu’ Assuntina, accussì i corne t’i ’mmacche essa..!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.