Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0024-024 sgb v1-18 s-_silverio_febbraio_1961 12 Idrozoi in grotta

La poltrona del dialetto (28). ’Na storia d’arcera

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Giustino, Mercurio, Lello, Totonno Scotti, Ernesto, Aristide Baglio, Michele Rispoli, Giulio ’u pescatore, Sem, si vedevano tutte le sere nel retrobottega dell’Alimentari di Giustino a Sant’Antonio. Fine anni ’70. Tutti cacciatori appassionati e irriducibili. Finito il periodo d’i marvizze (tordi) si approssimava quello della beccaccia (arcera).

Ogni sera una discussione, ogni sera una rivelazione, una graduatoria, una precisazione. Quella sera si concretizzò un anatema. Tutti ammutolirono perché ci fu chi profferì una grave bestemmia: “Tu quest’anno non farai nemmeno una beccaccia”.

Ernesto serio e accigliato, Aristide pure lui indispettito, e così Totonno Scotti. I ‘seniori’ della combriccola formularono una fattura fra le più infamanti. E Giustino era il diretto interessato.

Ora, per quanto si voglia soprassedere, presso i cacciatori la superstizione domina. Guai a emettere fatture. Le parole vanno ponderate pecché… accogliene! …Colpiscono!

L’attimo di mutismo fu breve, poi Giustino sorrise, gli altri glissarono su altre notizie. Ci si congedò tutti come sempre. No, non come sempre. La maledizione era stata emessa e il tempo avrebbe dato ad essa realtà.

Questo il preambolo.
Il prosieguo è in dialetto…

’Na storia d’arcera

Sentite cumpagnu’, pecché stasera
ve conto ’na storia vera.
Pensate… se parla d’arcera.

Giustino, ’u meglio cacciatore d’a Guardia
erano mise ca faceva ’a posta fino a tarde,
certi vote tutto bagnato comme ’na sarda
o si no tiseco comme ’nu lardo,
ma d’arcera manco ’na penna,
manco ’na una ce passaie ’mponta a’ canna.

Nuvembre era passato,
passata era pure ’a ’Mmaculata
e Giustino era iuto asciutto
comme l’urdemo cacciatore d’i Scuotte.
Potesse ch’era stata chella fattura
ca i cumpagne ce avevano fatto pe’ rire ?
Certo però ca ’a chella sera
aveva avuto sempe iurnate nere
Ma oramai ’a scummessa era iuta
e si nun pigliava ’n’arcera era futtuto.

Mentre accussì pensava ’u cacciatore
n’auciello ’nfaccia a isso veneva ’a fore,
Uh Gesù… nun potesse,
chisto certo nun me fa fesso,
Giustino guardaie… Gesummaria…
era n’arcera, parola mia!
Piglia ’u fucile, leva ’a sicura,
piglia ’a mmira cu’ cura,
’na pereta c’esce ’a culo
e… bum, sparaie ’mbambuliato.
Che gghié, ’nn’è caduta chella disgrazziata ?
sul’i penne stanne cca,
i muorte suoie, pure sotto m’ha fatto caca’.

Cumpagnu’ ’i tutto chillu parapiglia
Remmanette ’na puzza ’i merda pe’ tutt’ ’u ciglio.

 

Questa la versione recitata (file .mp3):

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.