Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

a1-1 k1-15a f-ab 34 hp0056 la-galite-ristorante-da-nicola

Attenti alle truffe

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

.

Giggino – Teneva propie arraggione ’a cummarella mia: nun te puo’ fida’ chiù ’i nisciuno. Eh ssì! Chesta è ’a vita! Che bbuò fa!
Sang’ ’i Retunne – Giggi’, ora ti sei incapunito cu’ ’sta “cummarella toia” e ogni cosa che dice è cassazione.

Gg – Ecrecio signoro, quanto uno tice una cosa iusta, chi ’a tice ’a tice è iusta e basta!
SR – Essì, come no? E a che proposito non ti puoi fidare di nessuno? Cos’altro ti è capitato?

Gg – ’Uagliò, m’hanno attruffato. Dico io… propiete a me!? …Aggie perze ’a faccia cu’ Assuntina.
SR – Addirittura? Ti hanno fatto il paccotto?

Gg – No, no… ’a posta nun c’entra, io uso Bertoldini.
SR – Sì vabbuò!! Ma che è successo?

Gg – Tu saie… pe’ arrotonda’ l’entrate ch’a’ vernata scarseggiano assaie, ogni tanto, quanne capita, mi mett’ a venne cocche cusarella. Sai cumm’è..!
SR – Ah sì? Mo’ ti sei messo a fare pure il sanzaro?

Gg – A chi appartiene? È d’i Fforne?
SR – Chi?

Gg – Chistu San Zarro.
SR – Giggi’, ’u sensale..! Ti sei messo a fare anche il rigattiere?

Gg – Ueee ’uagliò, nunn’accummenciamme a offende, he capito? …ca i’ vott’i mmane. Ricattatore ce sarrai tu cu’ tutte ‘a razzaccia toia rosso-verde e pure cummuniste d’a Russia. È chiaro?
SR – Giggi’, madonna mia! Sei arrivato ad un livello tale di ignoranza che parlare con te è diventato un problema serio.

Gg – A sì? ’U probblema è ’u tuoie, no ’u mie, he capito? I’ pe’ me m’accapisco. E’ chiaro?
SR – Ricominciamo dall’inizio. Domanda: ti sei messo a fare il commerciante?

Gg – Ah! …e tant’ ce vuleve? Sì, accatte e rivenne abbusivamente.
SR – Perfetto! …e cosa compri e rivendi?

Gg – Nemmiccule… ’i Vientutene.
SR – Azz! Le compri a Ventotene?

Gg – No a Centocelle.
SR – Ma dai, Giggi’! Che lenticchie saranno mai queste? Dove le coltivano..? Sui balconi?

Gg – So’ ’i pura razza cinese… ’I ’ccatt’ a un euro e ’i venne a vinte.
SR – Ma guard’a chisto. Allora qua il truffatore sei proprio tu?? E a chi le vendi?

Gg – Uggesù! ’I venne a Vientutene.
SR – Oh mamma mia e che ’mbruoglie che fai!

Gg – Nisciuno ‘mbruoglie! I patti erene che a cagne ’i ’nu chil’ ’i nemmiccule ’i Vientutene lore me devene dieci chile i castagne ’i Santamaria. I’ chelle vuleve! M’hanno attruffato, ’sti brutte ’mbrugliune!
SR – Giggi’, ma che dici? A Santamaria nun se fann’i castagne.

Gg – E là sta ’u ’mbruoglio! M’hanno date ’i castagne svizzere pe’ castagne santamariole.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.