Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

h-23 t6-25 s-59 hp0056 marie-la-moglie-di-giovanni-1973 sl372236

Notti insonni

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Tu ca saie quase tutte cose, ma ’nu papagne me facess’ addurmi’?
Sang’ ’i Retunne – ’Nu papagne? Vuoi addormentarti con un ceffone?

Gg – Ma qua’ cianfone? ‘U papagno è ‘u fiore che fa addurmi’!
SR – Il papavero? E per dormire sei rimasto all’età della pietra?

Gg – T’attaccasse ’na preta ’nganne! …E staie sempe a fa’ ’u professore! Furniscela!
SR – Dico io! Prima di tutto bisogna capire perché non dormi. Insomma rimuovere la causa. E poi prendere medicinali… o i papagni, come dici tu.

Gg – Pecché nun dorme? Nun ci’arriesche, ce sta troppu silenzio. Chest’è! Me dà fastidio. ’A capa se ne va.
SR – Ma dai! Quando si è visto mai che uno non dorme perché non sente rumori. Sarà il contrario!

Gg – E che… vulisse dicere che i’ diche fessarìe?
SR – Diciamo che non credo che sia quella la causa. Non dormi per qualche altro motivo.

Gg – A sì? E quale? Su, diciamell’ a mme!
SR – E che ne so io dei fatti tuoi? Che ne so della tua vita intima?

Gg – E che… mo’ pecché nun dorm’a notte vulisse sape’ i cazzi miei e ’i Assuntina?
SR – Giggi’, intima non significa solo sessuale. Pensi sempre a quello.

Gg – E allora spiegate meglio, che cca’ ’a ggente tenene i cervelle ca ce girene.
SR – Ma tu come puoi dire che sono i rumori a farti dormire? Da cosa lo deduci?

Gg – Uggesù, chist’è sceme! A’ staggione dorme ch’è ’na bellezza tra curriere, meturine e mariolini! …’na meraviglia. ’U problema è ’a vernate. Addo cazz’ ’u trove ’nu fetente ‘i remmore?
SR – Incredibile a che livello di adattamento si è arrivati.

Gg – …E mo’ ch’he fatte l’annalese, damme ’a cura, prufesso’..!
SR – Credo che la soluzione sia trovare una fonte di rumore invernale.

Gg – A sì? E addo’?
SR – Non lo so. Dobbiamo pensarci.

Qualche giorno dopo

SR – Allora Giggi’!? Ti vedo riposato. Hai trovato la fonte di rumore?
Gg – Essì, ma l’aggie truvate ’a ppe mme. Si ere pe’ te avoglia a sta’ scetate!

SR – A sì? Hai trovato la fonte di rumore per dormire?
Gg – Sì sì propetamente. Me costa 10 euro a dermuta, ma dormo ch’è ’na meraviglia.

SR – A sì? E dove?
Gg – Formia andata e ritorno. Chella trappula fa ’nu remmore ’i pazze e sganganéa sana sana! …E io dorme comm’e ’n’angiulille.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.