Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

e-01 a-05 k2-30 m3-15a 68 Prateria di Posidonia oceanica

Nino Picicco fra noi. E’ ’nu mutivo

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

“Però… Frà… devi ammetterlo… l’andamento delle tue canzoni è sempre mesto…”
“Hai ragione, Ni’… – rispondo – Che ci posso fare se così mi escono…”
“Comunque – mi assicura Nino – cercherò di farla bella lo stesso”.

L’indomani, al solito appuntamento pomeridiano, mi fa sentire la veste armonica data alle mie sparute note su quelle quattro parole che gli avevo portato. “Cosa ne dici ?” – mi sollecita Nino.
“E’ un miracolo – rispondo – Come hai fatto a fare nascere una canzone da quelle poche indicazioni…!”

Perché lui si impegnava per interi pomeriggi… e la moglie lo chiamava per il disbrigo delle faccende. Non c’era niente da fare. Si isolava da tutto, con le cuffie, e rimaneggiava con ostinazione, con l’aiuto della pianola.

Io gli avevo portato quattro accordi su un motivetto che si dispiegava su uno striminzito testo.

Era il periodo in cui avevamo deciso di fare un canzoniere ponzese. Ogni tanto ci appassionavamo anche alla creazione. Nino era più portato alla produzione perché seguiva il canovaccio della canzone popolare. Semplice e orecchiabile. Testimonianze del suo talento si trovano su Youtube

La canzone che propongo riporta ad età passate. Più lontane degli anni intercorsi. Lo faccio per agganciare l’attualità al passato affinché i lettori sappiano che le vicissitudini dell’oggi non cancellano la memoria lieve e sottile di ieri. Ci stupivamo per nulla e fummo fortunati, oggi la meraviglia è tarpata dall’orrido!

I zummezzate… ’a staggione… i calate… i piede scauze e i compagni coi quali abbiamo costruito la nostra vita.
Ci sono a fianco, i nostri compagni. Anche Nino.

 

E’ ’nu mutivo

E’ ’nu mutivo a mente

e l’anema è cuntenta

Aiere ire ‘uaglione

che bella era ‘a staggione

Si te ricuorde bbuono

’i zummezzate

d’a u Scoglio d’u ’Uaglione

quanta calate

Mo chille iuoche

nunn’i facimme cchiù

songhe ricorde

Quanta cumpagnia

quanta nustalgia

quanta alleria.

Chistu mutivo ’i niente

è ’na fulata ’i viento

Turnamme arrete e po’

già ce cunzole

’U sole trase

ienche ‘i luce attuorno

’uardammo annanze

stamme inzieme e po’

nun ce lasciamme maie

mo’ e pe’ sempe

sempe.

Pure tu

ce stive pure tu

comme ire bella

pigliammece pe mano

affruntammo ‘u dimane

chiste è ll’ammore

ie e te.

 

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.