Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0014-014 bp m2-8 38 04 la-chiesa-di-san-silverio

Migranti extra-isolani

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Caro amico, aggie capite addò stanno i nostri guai. Tu studi, studi e nun ci he mai capito ’nu cazze.
Sang’ ’i Retunne – A sì? Hai fatto un’analisi socio-economica della situazione?

Gg – ‘Sorcio-economico’ ce sarrai tu e chi te dà a campa’! È chiaro?
SR – Oh mamma mia! …ma ch’è capito? Comunque dimmi, dai…

Gg – ’U ssaie tu pecché cca stamme male e nun se fatica cchiù? Tu ’u ssaie saie? …Diciaméll’!
SR – Eeee… sarà la crisi, lo spopolamento, le politiche errate delle varie amministrazioni. Di motivi ce ne sono molti e tutti intrecciati tra di loro.

Gg – Ma che cazz’ vai dicènn? Cheste so’ tutte strunzate che s’inventano i verdi-communiste amici tuoi. He capite?!
SR – Giggi’, tu l’he ’a furni’ ’i esse accussì aggressivo! He capito? Primma o poi me scordo che sono una persona civile e te créseme! E mo’ basta!

Gg – Sient’a mme! Alla base ’i tutti probblem’ nuoste ce sta Vientutene. Ecco qua! Mo’ te l’aggie ditte!
SR – Giggi’, ma che dici tu? Che c’entrano i nostri cugini isolani?

Gg – Che c’entrano? E m’u dimande pure? A parte che saranne cugine a tte… a me me stane propiete antipatici. E’ chiaro?
SR – Madonna Giggi’, ne parli come se t’avessene accise ’nu criature ’nda cònnola. Ma cosa ti hanno fatto?

Gg – Allora… nuie avimme cagnate ’u sinneco? E allore subito, puntualmente hanno cagnat’u sinneco.
SR – Ma è stato solo un caso..!

Gg – See see! Nuie avimmo acchiuso tutt’all’isola? E alloro hanno acchiuso pure i puteche!
SR – Ma questa è ’na disgrazia, mica una cosa buona.

Gg – Avimmo scassato ’u traghetto ’nfaccia a’ banchina? …E loro subito hanno scassato all’aliscafo.
SR – Ma daiii!

Gg– Avimme cacciate i mariolini? E alloro se l’hanno pigliate!
SR – E menumale!|

Gg – Avimme ditte cacciamme i frastieri? E loro se l’hanne chiammate! …E mo’ basta! Chelle ch’è troppo è troppo!

Qualche settimana dopo

SR – Giggi’ dove sei stato tutto questo tempo? Non ti sei fatto più vedere al bar.
Gg – So’ stato a Vientutene.

SR – A Ventotene? Uggesù! A fare che?
Gg – Ere scennute a vede’ che stevene cumbinanne… Uno m’ha chiesto: “E tu ’a do’ iesce? Di che razza sei”?

SR – Ci credo, stai sempre vestito malamente, sei nero carbone e pure ’nu poco fetente. E tu cosa gli hai detto?
Gg – ’A verità: “Songh’ coreano d’i Fforne”.

SR – Ma no! E allora?
Gg – Allora chille ha’ccummenciate a’lluccà: – È arrivate ’u primme! Currite, curriteeee… è arrivate ’u primme! …è sbarcato! – M’hanne afferrate quatt’i’lloro, m’hanne spugliate, m’hanne ’nzapunate sane sane e m’hanne vuttate a capasotta ’nda ’nu bidone d’acqua. Po’ m’hanne vestute e m’hanno abbuffate ’i nummiccule e fave. Penza che m’hanne date pure ’na casa cu ’a stufa e ’a tivvù satellitare. Tutto aggratisse. ’Na meraviglia! Tenive arragione tu: ce vonne propiete bene, chisti cuggini ccà..!

SR – Ma ti rendi conto o no che ti hanno scambiato per un extracomunitario? …Combini sempre guai.
Gg – Ma qua’ ’uai? ’Uagliò, là nun se paghe niente e se passa ’a vernata sana sana annanze a’ tivvù senza cacacazze ’ndi piede! Si vuo’ veni’, te vieste ’a zulù e vedrai che te truvarranne ’nu poste pure a tte!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.