Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

0014-014 05-11-2005-19-19-10_0000 v-2a ss10 35 4_g-20091209221925

La finestra aperta

Condividi questo articolo

di Francesco De Luca

.

Una finestra aperta permette a ciò che è fuori di entrare ma anche a quanto è restato chiuso dentro di prendere aria.
Questi scritti manifestano orientamenti e passioni dell’autore. Suscitati e spinti da suggestioni provenienti dall’ambiente fisico circostante e da quello umano.


D’agosto

Notte di luna piena.
Notte gravida di segnali. Bucano il nero e baluginano nel tempo che trapassano lo specchio degli occhi e scompaiono. Pipistrelli, forse? Falene? Uccelli in cerca di migliore riposo? O accenni di eventi in arrivo?

Accadimenti inaspettati, pronti a colpire chi dà allo scorrere del tempo un sospiro, un sorriso, un angore.

Piena è la notte di vibrazioni. Tremolano col vento che la luna evidenzia sul fogliame e ancor più sulle onde del mare. Calmo in agosto e sopito.

La luna troneggia, e la volta del cielo la inghirlanda. La notte ne esalta il bagliore. Sul mare suscita pulsioni nei pesci, e i pescatori attendono vogliosi di cattura. Sulle terre distese invita il pastore errante a sognare, e al cittadino dell’urbe rinfaccia la sua superbia.

Piena è la notte. Di umana attesa. Stesa sulle strade, sui porti, sui villaggi sorti dalle macerie, sulle fughe attraverso acque nere di sangue, sugli occhi dei bambini che anelano all’azzurro.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.