Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

2009-07-21_18-54-42 a4-36 h-25 q-17 28-07-2005-0-18-15_0000 il-grottone

‘U breccauto

Condividi questo articolo

by Sang’ ’i Retunne

 

Giggino – Ie me n’aggie sule i’, ’a cca! Nun ce sta niente ’a fa! Sinnò m’accumprumetto.
Sang’ ’i Retunne – Mado’ Giggi’… e a staggione stai sempre ’ntussecate? Fai un’arte! E che diavule! Mai ’nu poco ’i serenità! Che t’è venute sta volta?

Gg – Nun songh’ie, songh’ all’ate! E’ chiaro?
SR – Giggi’, dici sempre così e poi….

Gg – E poi che? Dicie dicie… e poi che?
SR – Tu guardi il pelo negli occhi degli altri e non vedi la trave nel tuo.

Gg – Ui’lloco ’u fisolofo! I’ ’u ddiche sempe che a te i libbre t’hanne arruinate i cervelle. Mo’ che c’entra ’a travatura? Stavota l’abbusivismo nunn’è in questione.
SR – Dai, lasciamo perdere che è meglio.

Gg – E menu male che nun m’he ammischiate pur’a mme ’sta brutta malatia ’i studia’: i’ nun leggie ’nu libbre manco si m’accide… E accussì me sono sarvate!
SR – Se lo dici tu…. Però non mi hai detto perché oggi stai incazzato.

Gg – Allora. Steve facenne ’na cusarella cu’ Assuntina. Sai cumm’è, quande ce vo’ ce vo’!
SR – Azz! E come no!? E allora?

Gg – A ’nu ciertu punt’ se mette a suna’ l’allarme ’i Rafèle… che me pare ’nu bumbardamento ’mericano.
SR – Un tentativo di furto?

Gg – Ma chi s’arrobba chella munnezza che venne?
SR – E allora non capisco. Perché suonava?

Gg – Pecché c’è stato ’nu breccauto elettrificato.
SR – Giggi’, si dice black out elettrico. E questa cosa ti ha infastidito?

Gg – Essì..! Pecché quanne chillu sfaccimme se mette a suna’, Assuntina d’a paura addeventa ’na preta. Ma, dich’ie, è cosa che ogni vota che me mett’ a ffa cocche cosa cu’ essa, hadda suna’ l’allarme? ’Sti fetiente m’u fann’ apposta?
SR – Ma l’allarme è collegato alla mancanza di corrente. La cosa non è contro di te. Tu non c’entri.

Gg – Ah no? Tu penza: aggie cagnato orario, e chille zacc! …Allarmeee! Aggie cagnate posizione, e chille zacc!… Allarmeee! Aggie stutate tutt’i luce d’a casa, e chille zacc! …Allarmeee!. Allora me so raccumannate cu’ Rafèle… e chille sa’ che m’ha ditte?
SR – Cosa?

Gg – Giggi’, cagne mugliera, pecchè cca’ ’a centrale nun se po’ cagna’!
SR – Ahè..! Di male in peggio!

Gg – E allora aggie deciso…
SR – Cosa? Cambi moglie?

Gg – No no, ci’aggie accattate ’nu generatore ’i current’ ’i terza mano a Rafèle. Accussì isse dorme tranquillo, e io faccie comme fa ’a centrale.
SR – A sì? E come fa la centrale?

Gg – ’A centrale fotte e se ne fotte!

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.