Voci di Ieri

Lontano da Ponza. Trova tutti gli articoli nel menù: “Storia”

Immagini

m3-22a i-22 107 37 corrida10 scansione0004

Cosmetica

Condividi questo articolo

di Silveria Aroma

 

Eh tu… tu fai parte della cricca!
Cricca?! – chiedo.
Non ottengo risposta, solo una girata di spalle.
Cricca! Mi piacciono le parole con le doppie. Comincio a tamburellare con le dita sul primo piano che incontro: cricca, cricca, cricca…
Incontro un’amica, le faccio una piroetta sotto il naso e intono: – Cricca, cricca, cricca… – La cricca m’incricca!
Mi guarda attonita: – Sei impazzita!? – mi fa. Non le bado e proseguo.
Continuo a ballare e me ne vado in giro al ritmo croccante di cricca.
Incontro un altro amico che mi dice: – Lascia perdere!
Ma certo che sì, perché mai dovrei tenerlo?!

Andando avanti guardo negli occhi e persone, le ascolto. Le sento.
Ci sono quelle che si lavano, che hanno mani curate e vestiti in ordine. Ma anche quelle che non consumano e non inquinano, non profumano mai.
I loro vestiti sono gli stessi per giorni e giorni di fila. Mi viene il dubbio ci dormano anche. Che bello! Mi piace l’idea di una vita sana e senza vanità, anche se… è bello odorare di pulito.

L’ambiente mi sta a cuore, molto. Sono un po’ orientata verso il pensiero di quelli là, quelli brutti e cattivi… sì! quelli colorati come i germogli, però non sono contro la doccia. Si, lo so che l’acqua è cara e i detergenti vanno usati con parsimonia. Sì-lo-so.

Il particolare che mi colpisce maggiormente è quello degli occhiali. Lenti patinate di grasso a mo’ di collante acchiappatutto.
Come lo vedranno il mondo attraverso quei vetri?! Sporco, non v’è ombra di dubbio.
Come dite?! Non dovrei scrivere qui questi post?! E ci avete ragione! Ma i social sono divenuti teatro di scontro fra guelfi e ghibellini che giocano a “chi ce l’ha più duro” (o a chi è più puro) e io mi sono auto-esclusa.

Qui mi sento un po’ a casa. Sarò scostumata?!
In fondo non li vedo questi qua, non so se si lavano e nemmeno se tengono puliti gli occhiali. I loro modi, però, sono gentili e la qualità non manca mai o quasi.

Zompetto, danzicchio e continuo a guardare e ascoltare.
Sono un po’ tonta, molto ignorante, a tratti sprovveduta.
Mamma perché a merenda non mi hai mai dato pane e volpe?! – mi verrebbe da chiedere, ma non importa più.

In fondo voglio bene un po’ a tutti, e sì!
A tenere la vita fra le braccia intonando un pianto di gioia, quella profonda; a tenere la mano di chi parte per sempre, danzando un pianto di dolore, quello profondo, si impara – non tutti ma molti imparano – a guardare verso gli altri con più umanità.

Ci sono quelli che lavorano… e quando non lavorano creano, curano, accudiscono, coltivano. Tirano reti e raccolgono profumate albicocche, sorridono con gli occhi e con le labbra. Belli!
E quelli che lavorano… e quando non lavorano fanno della bocca una macina; macinano macinano parole che non sono preghiere.

Non bisognerebbe dar troppo peso a chi ci si siede davanti e ci illustra il panorama meraviglioso delle proprie capacità; mai un errore, mai una colpa. Solo la lunga lista dei limiti altrui.
Sapevano e sanno tutto sempre; hanno una risposta per ogni domanda, una domanda per ogni risposta. E se compare l’ombra di una nuvola soffiata dal passato viene scacciata via come mosca molesta, impertinente, mai mai pertinente.
Tuonano: leggi!
Acrobati nei calcoli del Q.I. (quoziente intellettivo), ne sanno lanciare i numeri a mitraglietta.
Me tapina, ignorante e sciocca. Aiuto! Posso dire almeno: io speriamo che me la cavo?!

Ascolto attenta, cerco di imparare qualcosa, di capire… ma una sensazione prevale su tutto: il terrore – che mi drizza il pelo – di trovarmi di fronte a chi non conosce il dubbio; il dubbio di non poter avere sempre ragione e di non essere il re dei giusti.

“Non dubitare di chi ti dice che non ha paura, ma abbi paura di chi ti dice che non ha dubbi”.

Condividi questo articolo

Devi essere collegato per poter inserire un commento.